Rinascimento del San Martino Speme.

Non c’è parola più adatta del termine Rinascimento per spiegare cosa sta succedendo alla San Martino Speme in questo momento.
Rinascimento è il ponte ideale fra due periodi, senza strappi, nel segno della continuità.Non è dunque rinascita dopo la morte, non è luce dopo un periodo buio ma una fase fondamentale, decisamente innovativa che volge lo sguardo in avanti senza guardare indietro.
E’ questo ciò che vuol trasmettere l’esperto Roberto Pavan, nuovo direttore sportivo: ” E’ normale che in ogni società sportiva esistano problematiche legate all’aspetto economico, strutturale, ambientale e competitivo; per questo motivo mi è stato affidato un progetto dettato dalla praticità e che intendo basare su persone affidabili e contemporaneamente soddisfatte di ciò che si andrà a fare.”

Roberto Pavan

Parla con sicurezza del suo progetto, Roberto Pavan e non si cura di quanto è successo nell’ultima stagione: ” Non guardo dietro e non cerco responsabilità altrui; ci sono radici fortissime e tenaci nel San Martino Speme che vanno ben oltre il vissuto anche problematico delle ultime stagioni; adesso devo preoccuparmi soprattutto di ricreare ambiente e  clima, precondizione essenziale per dar vita al nuovo progetto. Si parlerà quindi di inserimento di tecnici e di collaboratori esistenti che non dovranno sentirsi tagliati fuori ma saranno importanti per aiutare quelli “nuovi”; a tutti chiedo sia un “sacrificio” in termini di opinione, perchè la condivisione comune delle idee sarà la prima tappa verso gli obiettivi, sia un contributo reale per evitare rischi ed errori.

Primo step del percorso sarà il Giovanile, da ricostruire quasi completamente sia a livello tecnico che dirigenziale. Per questo motivo sarà posta molta attenzione ai nuovi allenatori ai quali affidare Giovanissimi Regionali ed Allievi Elite ” Chiedo che mi aiutino a creare giocatori importanti ma anche che non trascurino i meno abili, chiedo preparazioni atletiche anche stressanti ma che alla fine rendano tutti felici sia in allenamento sia durante una gara; non posso trascurare nemmeno i dirigenti accompagnatori, veri monumenti di umiltà dal lavoro oscuro ma tanto prezioso per dall’inizio fino al termine della stagione.”

Il Giovanile focus principale dunque; la risorsa principale del San Martino Speme sono gli impianti sportivi e le strutture senza trascurare la vicinanza di un’Amministrazione Comunale piuttosto sensibile ai problemi dello sport territoriale. Roberto Pavan invita tecnici e collaboratori a prendere contatto direttamente scrivendo a direzione@sanmartinospeme.com oppure per via breve telefonando al 338 6486261; tutte le candidature saranno vagliate per creare la “squadra” necessaria per affrontare con decisione la nuova stagione.
Idee nuove anche per la Prima Squadra (Eccellenza) e per la Juniores (Regionale) perchè il nuovo DS è orientato (se sarà possibile) verso allenamenti pomeridiani, quindi ricerca di giocatori giovani, possibilmente studenti e del territorio, con vocazione alla serietà nella preparazione e all’educazione.

E’ chiaro che non sarà facile, ma il vantaggio sarà quello di correre il doppio degli altri, magari con 4 allenamenti settimanali; ovviamente non ci saranno solo giovani, quelli più esperti saranno necessari per condurre i giovani verso la maturità sportiva. Agli allenatori chiediamo di credere in questo nostro progetto e di condividerlo coi ragazzi, a beneficio della competizione e della crescita sportiva.”

Presidente S.M. Speme Bruno Pellizzoni

Conclude il Presidente, Bruno Pellizzoni che ha dato carta bianca al nuovo Direttore Sportivo. : ” A livello territoriale cercheremo collaborazione con le altre discipline sportive del nostro Comune; organizzeremo eventi, campus e corsi orientati alla comunicazione sportiva, importantissima quest’ultima come fattore competitivo e stimolo aggregante per le famiglie.

Conclusione: il Rinascimento alla Speme è iniziato, la strategia è in atto, cercasi persone di buona volonta e capacità che possano e vogliano condividere questo Rinascimento.

 

 

 

è il fondatore dell’Associazione Culturale Giovanigol e della testata giornalistica Giovanigol. Nato a Copparo (Fe) il 3.2.19**, si occupa di cronache e commenti riguardanti il calcio giovanile. Condivide con i Reporter e la Redazione la mission dell’Associazione ovvero il divulgare la cultura e gli aspetti morali dello sport giovanile per dare merito a quanti correttamente interagiscono: giovani atleti, genitori, arbitri, tecnici e dirigenti sportivi.

© La divulgazione non autorizzata di articoli e di fotografie lede i diritti di autore. (art. 10, comma 1, Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie) Riproduzione anche parziale vietata, con qualsiasi mezzo, compresi screen shoot o copia incolla. Facciamo gli sportivi anche su Internet.