“Barbara Sacchetti”, finalissima. Arbizzano – Vangadizza.

Non è bastato il coraggio del Vangadizza a contrastare l’energia fisica dell’Arbizzano di Murari Stefano che possono portare a casa il Memorial  “Barbara Sacchetti”, indimenticabile dirigente della Delegazione Figc di Verona. Alle premiazioni la mamma Edda Vesentini con la nipote Giorgia, nella foto sotto.

Arbizzano – Vangadizza: (2-0) 4-0

Arbizzano: Posarelli , Bazzoni , Ceschi, Corradi , Zancanaro , Leopizzi , Murari , Furia , Realdi, Zivelonghi , Georgescu. A disp. Marchioni, Roma, Nerlini, Dallora, Palnieri, Mignolli. All. Murari Stefano

Vangadizza: Rossi, Mamone, Fraccaro, Giorgetta, Bellettato, Moro, Pradella, Cuoghi, Mantovani, Pradella G., Borasca. A disp.  Tomanin,  Trevisan, Segantini, Trevisan D. Prando, Silveira, Jabhaoui. All Gambalonga Roberto con Fraccaro Massimo

Direzione di Gara: Mameli Mattia di Verona, Ass. 1 Bergamini Mirko, Ass 2. Cordioli Andrea
Reti: 25’pt Georgescu (A), 34’pt Bazzoni (A), 10’st e 31’st Zivelonghi (A)

Resiste per oltre venti minuti la difesa del Vangadizza impostata dal tandem Gambalonga -Fraccaro con un modulo all’antica, si è visto infatti anche un libero nell’1-3-4-2 che è riuscito ad imbrigliare le sfuriate dei blues di Murari Stefano lasciando solo a Cuoghi il compito di scaricare a rete qualche pallone di improbabile pericolosità.
L’Arbizzano si muove prepotente con un 4-4-2 per tutto il primo tempo con Furia che fa il play in mezzo al campo e gli esterni che cercano con traversoni alti e bassi la testa o il piede di Zivelonghi che s’impegna in un personale tiro al bersaglio, ispirato dalla fame di gol che placherà infine nella ripresa.
Crolla la difesa del Vangadizza in maglia granata al 25′ grazie ad un tiro di Zivelonghi dal limite sinistro dell’area: la palla rimbalza sulla traversa, sbatte sulla linea ed è lesto Georgescu a ribattere in rete.
Ancora Zivelonghi protagonista al 34′ con un tiro rocambolesco che scavalca il portiere e si deposita in rete. 2-0

Vangadizza, Mantovani Matteo

La ripresa si apre con una reazione coraggiosa del Vangadizza con Mantovani e Pradella ma la difesa blues non si scompone anzi fa ripartire per due volte l’affamato Zivelonghi ( la prima in fuorigioco) per potersi guadagnare il pallone della gara.
Al termine premiazione dei migliori, con tutto lo staff della Delegazione Figc presente: Claudio Prando, Ilaria e Mario Furlan erano li anche loro a sfidare il caldo (all’ombra); i ragazzi al contrario hanno sudato e bevuto parecchio.

© La divulgazione non autorizzata di articoli e di fotografie lede i diritti di autore. (art. 10, comma 1, Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie) Riproduzione anche parziale vietata, con qualsiasi mezzo, compresi screen shoot o copia incolla. Facciamo gli sportivi anche su Internet.