Anniversario del San Zeno 1919. Un secolo di medaglie.

Sabato 17 giugno il San Zeno Calcio ha proseguito i festeggiamenti in occasione del centenario della sua nascita. In una Sala Marani gremita di atleti, dirigenti e vecchie glorie sono saliti via via sul palco, in un crescendo di emozioni molti protagonisti degli ultimi decenni.

Gli onori di casa assieme al Presidente Gianfranco Casale li ha fatti una bravissima Giada Perlati, giovane bella e preparatissima presentatrice ormai parte integrante della realtà granata.
L’assessore allo sport Filippo Rando, già bomber del San Zeno a spuma e patatine nel vicino Giardino d’estate, ha ricordato i derby con il Crazy e il suo definitivo passaggio alla classe arbitrale quando era solo un allievo.
I saluti istituzionali sono via via proseguiti sino alle parole Giuseppe Ruzza che ha ricordato la proverbiale caparbietà del Presidente Casale. Paolo Alberto Faccini, ora procuratore, ha raccontato il suo passaggio dal San Zeno alla Roma dove oltre a segnare un gol al suo esordio, l’anno successivo con la squadra della capitale ha vinto pure uno scudetto.
Del San Zeno ricorda i famosi 28 gradini della Busa ” che ti fanno emozionare ogni qualvolta li scendi per andare in campo.
Flavio Chiti, roccioso difensore ha raccontato di aver lasciato l’oratorio di San Zeno per passare al Torino e proseguire poi la sua carriera, appese le scarpette al chiodo, con l’attività di allenatore: dell’esperienza giovanile in “Busa” ricorda il forte senso di appartenenza che il San Zeno trasmette e l’insegnamento appreso sui nostri campi: non mollare mai quando si vuole raggiungere un sogno.
Il “Maestro Olindo Filippi”, ha raccontato i suoi 9 anni al San Zeno e ci ha svelato un segreto: nelle sue vene scorre sangue granata tanto che non ha potuto fare a meno di scrivere una emozionante poesia per i 100 anni.

La poesia sapientemente letta dal dirigente Matteo Chiappani è stata dedicata da Olindo a tutti i ragazzi e familiari presenti ma in particolar modo a tre persone speciali della recente storia granata: Gianfranco Casale il presidentissimo, Luigi Buchi il Presidente per eleganza e stile ed al mitico “Bistecca”, nella vita Andrea Bastianelli, uomo tuttofare nato, vissuto e cresciuto all’ombra della Porta del Bacanal.

Le emozioni sono proseguite con la presenza ed il racconto di Mister Piergiorgio Troccoli che ha fatto rivivere il ricordo del padre Pasquale per ben 27 anni anima e cuore del San Zeno anni 70 ed 80.
Si è quindi arrivati al gran finale del pomeriggio dove è stato presentato, grazie alla genuina passione di Cristian Canazza, il libro Passione Granata che è la riedizione del libro per il 90 anniversario arricchita di questi ultimi dieci anni che sono stati poi la rinascita calcistica del San Zeno.
Lo stesso autore ha ricordato che nel 2010 quanto è stato pubblicato il libro sembrava che si fosse alla parola fine di una bellissima storia ma invece questi anni sono stati una vera e propria rinascita.

E’ rinato il settore Giovanile e sono arrivati tanti titoli e tornei grazie all’impegno e alla dedizione di dirigenti allenatori e atleti. Il capitano della prima squadra De Piziol, ben 444 presenze in maglia granata, ha ricordato di essere stato prelevato ben 20 anni fa a casa dal presidente Casale e di essere ancora un felice calciatore san zenate.  Ha ricordato con affetto questi ultimi anni ed il prossimo futuro che sarà ricco di giovani provenienti dal settore giovanile.

Siamo quindi arrivati al gran finale ove davanti ad un pubblico attento, Teo Coppola, dirigente del Torino FC, portando i saluti del Presidente Cairo ha evidenziato il grande lavoro della dirigenza del San Zeno che ha portato nei tre anni di affiliazione come Accademy ad altissimi livelli il settore Giovanile.
Un sentito ringraziamento ed un grande applauso e stato riconosciuto dal Torino al Direttore Sportivo del San Zeno Davide Bolognesi, vecchia gloria e scout del Toro, che per primo ha creduto che il Torino fosse la partnership giusta per la crescita del San Zeno Calcio.

Teo Coppola ha annunciato che dal 1 luglio 2019 il San Zeno sarà Centro di Formazione Tecnica del Torino – un premio alla società per la qualità del lavoro e della struttura ove i tre ingredienti voluti dal Torino sono ormai parte integrante del pensare sanzenate: 1) i ragazzi al centro del pensare 2) tecnici e dirigenti dotati di spessore umano ed infine una grande passione per il calcio, lo sport e i colori granata.

Davvero un importantissimo risultato per il San Zeno che vedrà quindi crescere ulteriormente il proprio settore giovanile con tecnici e dirigenti qualificati e di elevato livello e già nei prossimi giorni gli annunci saranno decisamente importanti per gli allenatori del settore giovanile.
Sicuramente l’ambiente san zenate ha l’occasione per crescere ancora più per i prossimi anni.
La presenza sempre più massiccia della scuola torinese porterà ad una crescita calcistica in termini di qualità e di risultati.
Infine qualcuno ha voluto ricordare che a San Zeno, all’ombra della Basilica sono vissuti e crescono “grandi uomini oltre che grandi calciatori”.


Scritto con tutta la passione granata da Nicola Manzini

è il fondatore dell’Associazione Culturale Giovanigol e della testata giornalistica Giovanigol. Nato a Copparo (Fe) il 3.2.19**, si occupa di cronache e commenti riguardanti il calcio giovanile. Condivide con i Reporter e la Redazione la mission dell’Associazione ovvero il divulgare la cultura e gli aspetti morali dello sport giovanile per dare merito a quanti correttamente interagiscono: giovani atleti, genitori, arbitri, tecnici e dirigenti sportivi.

© La divulgazione non autorizzata di articoli e di fotografie lede i diritti di autore. (art. 10, comma 1, Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie) Riproduzione anche parziale vietata, con qualsiasi mezzo, compresi screen shoot o copia incolla. Facciamo gli sportivi anche su Internet.