Al Bussolengo la Coppa, San Giovanni Ilarione incredibile realtà

31° Città di Verona. Finalissima Calcio Bussolengo – San Giovanni Ilarione.
di Francesco Galvagni.
foto di Roberta Roi.

Finale del 31° “Città di Verona”, il più storico e prestigioso torneo calcistico della provincia  e come vuole la tradizione, la finalissima si gioca allo Stadio “Marcantonio Bentegodi”. A contendersi il trofeo sono pervenute Bussolengo e San Giovanni Ilarione, due compagini Under 15 Provinciali di valore, protagoniste entrambe nel Campionato Figc. Da quest’anno, dopo anni di Esordienti si è deciso di virare sugli Under 15 (Giovanissimi), scelta azzeccata a detta di molti, che ha permesso di vedere partite con un livello tecnico più elevato e consono all’importante nome del torneo.

Calcio Bussolengo-San Giovanni Ilarione (0-0) 0-0 4-2 d.c.r.

Calcio Bussolengo: Alfano (1’st Maccacaro), Friggi (15’st Borace), Pizzini, Zanandreis, Massenz, Santeramo, Donatelli (12’st Palaia), Messetti (12’st Gastaldello), Lonardi (20’st Musumeci), Berzacola, Picari (12’st Graffagnino) A disposizione: Pasquotto, Cocozza Allenatore: Venturelli Nicola in sostituzione di Ridolfi Umberto

San Giovanni Ilarione: Camponogara T., Panarotto, Trestin (3’st Chouaib), Di Carmine, Carboniero, Confente A., Zandona, Trestini (13’ Gaiga), Prando, Bacha, Camponogara E. A disposizione: Cambiolo, Lovato, Confente V., Siviero, Marcigaglia, Policante, Rossafi Allenatore: Bacha Rami

Arbitro: Matteo Pastore di Verona
Assistenti: Marco Fattori di Verona e Francesco Susca di Verona
Sequenza rigori: Berzacola (B) goal, Confente A. (S) goal, Santeramo (B) goal, Prando (S) goal, Pizzini (B) goal, Camponogara E. (S) parato, Palaia (B) goal, Chouaib (S) parato

Note: recuperi 1’ e 3’ spettatori 1500 circa

Arriva all’inedita finale per il 1° e 2° posto dopo la vittoria ai rigori con l’Aurora Cavalponica di Federico Bonfada (3° classificata dopo aver vinto ai rigori la finale per il 3°-4° posto con il Valpolicella) il San Giovanni Ilarione del giovane Rami Bacha, che propone un 4-3-1-2  con Zandona dietro a Prando e al piccolo gioiello Enrico Camponogara (classe 2006). Il Bussolengo ha invece prevalso in  maniera più netta (5-0) sul Valpolicella di Filippo Rossignati. Ancora squalificati mister Umberto Ridolfi e il vice Davide Giacomazzi, in panchina come in semifinale siede Nicola Venturelli.  Pronti via e Camponogara arriva subito davanti ad Alfano che si salva con il piede, il San Giovanni Ilarione imposta un primo tempo aggresivo, schiacciando un Bussolengo partito con il freno a mano tirato, al 15’ ancora Camponogara imbeccato sul filo del fuorigioco arriva ancora a tu per tu con Alfano che sbarra nuovamente la strada all’11 bianco-azzurro con il piede.
Appena dopo giallo per Alfano che blocca la sfera con le mani fuori dal limite dell’area, Camponogara manda poi alta la punizione. Il San Giovanni Ilarione continua a spingere e a macinare gioco, al 25’ ci prova Di Carmine con un piazzato dai 30 metri, abbondantemente alto.   Dopo il cooling-break del 30’ con i giocatori di entrambe le squadre che ne approfittano di un infortunio per avvicinarsi alle panchine per reidratarsi. Al 34’ ancora Enrico Camponogara pericoloso, l’attacante si gira in aria e conclude a rete trovando per la terza volta i piedoni di Alfano. Per vedere il Bussolengo affacciarsi dalle parti dell’altro Camponogara (Thomas, portiere) bisogna aspettare il minuto di recupero concesso dall’arbitro con Picari che da dentro l’area storpia un tiro che si spegne sul fondo. E’ l’ultima scintilla di una vivace prima frazione di gara dove a meritare di più sono stati i ragazzi di Rami Bacha.

Nel secondo tempo esce dal guscio il Bussolengo che inizia a prendere coraggio e a costruire azioni più articolate, lo staff rosso-verde si prende quello che potrebbe essere considerato un rischio in una finale come questa, il cambio portiere ad inizio ripresa, Maccacaro prende il posto di Alfano, scelta tecnica che invece si rivelerà decisiva a lungo andare. Entrano poi Palaia e Graffagnino prima e il veloce Gastaldello poi con il reparto offensivo anch’esso stravolto. Al 28’è proprio Gastaldello che prova a impensierire Camponogara con un tiro da fuori, alto. L’ultima occasione del match arriva al 35’: Gastaldello viene lanciato in profondità, brucia il diretto marcatore ed entra in area dalla destra dove va però incontro ad una provvidenziale chiusura di capitan Andrea Confente che allontana la minaccia mettendo in cassaforte il risultato. Nei tre minuti di extra-time concessi da Matteo Pastore (sezione AIA Verona) non succede più nulla con le due squadre che sembrerebbero firmare per i rigori. Dagli undici metri la scelta di Venturelli (o di chi per esso) viene premiata, Maccacaro neutralizza i penalties di Enrico Camponogara e del neo-entrato Chouaib, finisce 4-2, Bussolengo campione.

Lacrime bianco-azzurre a fine gara, fanno festa le bandiere e i fumogeni rosso-verdi dei tifosi  del Bussolengo che per la prima volta nella sua storia scrive il suo nome sull’albo d’oro del “Città di Verona”. Dopo l’alzata della coppa appare con i piedi ben a terra mister Umberto Ridolfi: “Ricordiamoci che domani si torna, chi a scuola e chi a lavorare” esempio di umiltà, da seguire per molti allenatori, soprattutto nel giovanile.

(shooting di Roberta Roi e Mario Merci)

================================================================================

La presenza discreta in campo dei due allenatori squalificati del Bussolengo (che comunque non si sono seduti in panchina) è stata una libera scelta della Redazione di Giovanigol che li ha invitati a vedere dal campo (e non dalla tribuna) la gara alla quale ci tenevano tanto.
Nessuna polemica quindi, i due mister sono stati promossi Reporter Onorari e hanno potuto assistere senza comunque influire, dalla pista di atletica e comunque vicino alla postazione degli organizzatori.
Ci vuole un po’ di serenità in tutte le cose, soprattutto nello sport.

================================================================================

De Santis Maicol consegna la coppa del 2° posto a Confente Andrea capitano del S.Giovanni Ilarione

Aperte le Iscrizioni al 32° Città di Verona

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

  • Claudiopicion

    Scusatemi per tutti i doppioni di commenti.comunque nella cronaca la prima azione menzionata 28 del secondo tempo non e’ andata proprio cosi per chi ha visto la partita

  • Claudiopicion

    Dalla cronaca sembrava che avesse giocato solo il s.giovanni nessuna menzione alle numerose azioni da gol del secondo tempo da parte del bussolengo

  • Claudiopicion

    D’accordissimo sul primo tempo del s.giovanni ma troppo poco risalto a tutte le azioni che ha creato il bussolengo nel secondo tempo

  • Claudiopicion

    D’accordissimo primo tempo del s.giovanni ma al nostro secondo tempo non e’ stato dato grande risalto

  • Anubis71

    Bellissima competizione sportiva, nulla da dire o recriminare, è stata davvero una bella esibizione di sano calcio. Come scritto nell’articolo, il 1^tempo ha giocato con più intraprendenza il S.Giovanni , ma i suoi attaccanti si son trovati davanti un muro targato Alfano (man wall, in grande serata e concentratissimo), oltre il quale è stato impossibile andare. Il secondo tempo è stato giocato con più convinzione dal Bussolengo, che ha avuto piu occasioni per chiudere che non ha saputo concretizzare. I rigori sono come sempre una lotteria, ma a difesa della porta del Bussolengo vi era Maccacaro (man for rigors), che ha spento gli entusiasmi del S.Giovanni con due belle respinte. Bravi ad entrambe le squadre, ma permettetemi un pò di campanilismo, senza nulla togliere ai degni avversari, il Bussolengo ha meritato questa vittoria.

    • Redazione Giovanigol

      Merito indiscusso, come sono stati indiscutibili carattere e temperamento del San Giovanni Ilarione che ha saputo contenere i più quotati avversari.

      • Anubis71

        Esimia redazione giovanigol, lungi da me negare i meriti di chi che sia, anzi non li ho per niente negati, mi sono solo preso un pizzico di campanilismo nell’affermare che la squadra che ha vinto ha meritato. La Sua risposta al mio intervento mi fà pensare in una strenua difesa della squadra del S.Giovanni, per la quale nutro grande simpatia e stima, ed ora comprendo anche il commento di Claudiopicion dove afferma che le azioni del Bussolengo del secondo tempo non sono state neanche menzionate, non vi sembra di avere fatto campanilismo a rovescio ?
        Simpaticamente Vostro e complimenti sinceri per il Vostro operato nel portare avanti l’idea del sano calcio.

    • Claudiopicion

      D’accordissimo sul primo tempo del s.giovanni ma troppo poco risalto a tutte le azioni che ha creato il bussolengo nel secondo tempo

Lascia un commento

Previous post

Rudari smorza gli entusiasmi Virtus e incorona il Montecchio

Next post

Virtus Show, Bridi e Merci battono 16 a un passo dal record