Juniores Elite A. S.Giovanni Lupatoto – Caldiero Terme.

È veramente difficile scrivere oggi, con Manuel abbiamo passato alcuni momenti sportivi e di amicizia, come “genitore patentato” lo scorso anno abbiamo fatto una macchina assieme ad alcuni compagni di squadra direzione Milano. Non ci crederete, interisti e milanisti assieme tra battute e risate, Enrico (mio figlio) e Manuel sostenitori dei nero azzurri gli altri dei cuginastri. Si sono sentiti due giorni fa per organizzare un’altra macchinata mi avrebbero ingaggiato anche quest’anno per essere ancora in maggioranza. Prima della partita negli spogliatoi sono andato a dare un abbraccio ai ‘98 addolorati, qualcuno ha detto vinceremo per lui, così è stato.

 

SAN GIOVANNI LUPATOTO – CALCIO CALDIERO 3-2 (2-1)

SAN GIOVANNI LUPATOTO: Freddo, Sandri, Samrani, Rettore, Soardo, Venturi, Cornelli (1’ st. Salemi), Soave (28’ st. Bonora), Lobba (19’ Pareja), Giordano (1’ st. Bonini), Ottocento. A disp.: Faedo, Rizzi, Bissoli. All.: Andrea Manganotti.

CALCIO CALDIERO: Bertasini, Cazzola, Strapparava, Malgarise, Ziglioli, Corso (19’ Mosele E.), Aspetti (1’ st Griso), Scalzotto (31’ st. Galiotto), Magrinello (34’ Gazzabini), Andriollo (41’ st. Gasparello), Mosele Andrea. A disp: Treccani, Bogoni. All.: Antonio Vandin.

Arbitro: Riccardo Zebini di Rovigo
Reti: 7’ pt. Aspetti (CA); 27’ pt. Cornelli (SG); 35’ pt. Soardo (SG); 22’ st. Magrinello (CA); 45 + 1 Pareja (SG)

 

Domina il nero oggi a San Giovanni cielo scuro, ospiti all black e San Giovanni con lutto al braccio. La comunità locale è scossa per la scomparsa di Manuel Verdolin, il minuto di silenzio accomuna tutti nella tristezza.

S.G.Lupatoto-Caldiero, l’azione del primo gol

Passiamo alla cronaca sportiva, alla ricerca di un po’ di serenità.
Al 7’ un errore difensivo di Sandri oggi costretto ad occuparsi di spazi non suoi per la carenza di difensori titolari (infermeria piena), spiana la strada ad un assalto corale del Caldiero, un paio di tentativi, al terzo arriva la rete a porta vuota di Aspetti. 0-1 per il Caldiero.
Al 12’ altra palla ottima per Andriollo, Faedo c’è.
Al 18’ primo acuto del San Giovanni, Ottocento scocca un forte calcio da appena fuori area, di poco alto.
Per il pareggio ci pensa ancora un numero 7, Cornelli conclude una azione di calcio d’angolo, con un sinistro al volo su un grave errore in uscita di Bertasini che si scontra con un compagno di difesa liberando lo spazio utile per l’attaccante biancorosso.
Al 31’ Ottocento si conquista una punizione dal limite, calcia bene sorvolando la barriera ma questa volta Bertasini è attento.
Al 35’ gran goal di Soardo dal vertice destro dell’area grande palla a giro che si infila all’incrocio sinistro, il centrale

S.G.Lupatoto-Caldiero, azione di Magrinello

locale indossa il numero 5 ma il gesto tecnico meriterebbe la maglia con un numero doppio.
Al 42’ espulsione del numero 4 del Caldiero Malgarise, il difensore alza il gomito su Giordano lanciato verso la porta, il direttore giudica il fallo da ultimo uomo,  è cartellino rosso, a mio avviso eccessivo per severità ma a guardare il regolamento ci sta.

Le squadre rientrano in campo con tre nuovi elementi, uno per il Caldiero e 2 per il San Giovanni.
Nei primi minuti una occasione a testa, Ottocento decentrato calcia alto un tentativo di pallonetto, dalla parte opposta su colpo di testa traversa di Magrinello.
Al 22’ rigore generoso per una spallata su Scalzotto, si porta sul dischetto uno dei migliori in campo Magrinello, con molta freddezza sigla dal dischetto.
Passa solo un minuto ed Ottocento esegue una serpentina in area, il numero 1 del Caldiero rimedia all’errore del primo tempo con una parata esemplare.
Al 27’ una azione che parte da una sgroppata dell’ispirato Soardo, allarga al nuovo entrato Pareja che scodella al centro per Salemi liberissimo, non calcia al volo e perde il tempo, occasionissima sfumata.
Al 44’ altra occasione per i locali Pareja invece di calciare al volo prova a stoppare a un metro dalla porta.
Al 45’ + 1 Salemi sbaglia un rigore in movimento ma 30 secondi dopo Pareja in sospetta posizione di fuorigioco sigla il 3 a 2 con un gran destro da appena dentro l’area.

Avanti, anche questa è andata. Ma il dolore per la perdita di un amico resta.

(testo di Marco ottocento, fotoreportage di Michela Montresor)


Negli spogliatoi, prima di entrare in campo, il Presidente del S. Giovanni, Perbellini Daniele ha voluto ricordare ai ragazzi quanto è importante il rispetto per la vita, leggendo poche ma significative righe:

Cari ragazzi di Caldiero e San Giovanni Lupatoto,
mi rivolgo ai vostri ventanni, alla vostra splendida età.
Mi state ascoltando perché un vostro compagno se ne è andato, lasciando un grande vuoto a chi gli voleva bene.
Queste disgrazie dovrebbero servire a raccomandare a voi, la massima prudenza sulle strade e soprattutto la massima attenzione agli altri, che guidano distratti, ubriachi o anche drogati.
Non basta una condanna della giustizia, non basta un torneo per ricordare un giovane che se ne va.
Resta solo un grande vuoto e la disperazione della famiglia e dei compagni.
Adesso giocate sereni, anche per Manuel che vi sta guardando dal Cielo.

Che questo messaggio venga recepito da tutti i ragazzi sulle strade, affinchè comprendano i pericoli e il valore della vita. R.G.