Juniores Provinciali Verona. Recupero Giornata 8.

Per il recupero dell’ottava giornata del girone B del campionato Juniores Provinciali, si affrontano sul campo principale di Sommacampagna, i ragazzi di Andrea Corbellari (nella foto di copertina) reduci dalla sfortunata trasferta di Povegliano (sconfitta per 1 a 0) e il Castel d’Azzano di Zanon, che nell’ultimo turno ha avuto ampiamente la meglio sul fanalino di coda Croz Zai con un rotondo 5 a 0. Serata piovigginosa, e campo scivoloso non ancora in perfette condizioni.
Casteldazzano in giornata ok, Sommacustoza piuttosto depresso per tutta la gara trova nel finale due lampi di Bertolaso e Greco, un vero proprio sgarbo da “maleducati” all’ospite grigiobiancorosso.

Sommacustoza – Castel d’Azzano (1-1) 2-1

Sommacustoza:  Hamatay, Faye F., Menini A., Bodini, Menini D., Boussaid (2’ st Faye K.), Amodio (20’ st Semeraro), Bonfante, Bertolaso, Lonardi (38’ st Pesenti), Greco. A disposizione: Dolci, Avesani, Sospetti, Spiniella. Allenatore: Andrea Corbellari.

Castel d’Azzano: Farinazzo, Spinelli, Saletti, Pierantoni (20’ st Benvenuto), Orifici, Sabbioni, Boaretto, Perbellini R., Saffioti (2’ st Jallouli), Perbellini A., Zordan. A disposizione: Scanferla, Ronconi, Trabelsi, Bressan. Allenatore: Emanuele Zanon.

Arbitro: Francesco Urso di Verona.
Reti: 3’ pt Boaretto (C),   38’ pt Bertolaso (S),  45’ st Greco (S)

 

Diversi gli obbiettivi delle due compagini che si fronteggiano oggi: il Sommacustoza di Corbellari è alla ricerca di punti per centrare la qualificazione alle finali di categoria; gli ospiti invece, senza particolari ambizioni di classifica, vogliono continuare con quanto di buono fatto vedere in questo periodo.
Sul campo sembrerebbe però subito l’inverso, visto che dopo soli tre minuti Boaretto porta avanti i biancorossi (oggi in tenuta grigia) con un bel tiro da fuori area. Padroni di casa vicini al pareggio otto minuti dopo con Greco che, servito da Lonardi (intelligente come sempre la sua gara ma oggi un po’ grigio come le maglie degli avversari), lascia

SommaCustoza Jr Pr Bertolaso

partire un fendente di collo sinistro che finisce sull’esterno della rete dando l’illusione del gol. La partita prosegue senza particolari sussulti, quando agli ospiti si presenta una ghiottissima occasione per raddoppiare: Boaretto serve a Saffioti un pallone con scritto “spingimi dentro”, ma la sfera viene miracolosamente salvata sulla linea da un difensore locale, che riesce così a mantenere la sua squadra in partita. Al 38’ è il solito Bertolaso (al suo ventiseiesimo centro stagionale) a rimettere le sorti in parità con una grandissima giocata: servito al limite dell’area, si gira e lascia partire un sinistro secco che si insacca nell’angolo alla destra dell’incolpevole Farinazzo.

Dopo la sosta, si ritorna in campo con un Sommacustoza più aggressivo che sfiora il vantaggio all’ottavo minuto: batti e ribatti in area di rigore, ma nessuno riesce a trovare la zampata vincente. Nella fase centrale del secondo tempo assistiamo invece ad un monologo del Castel d’Azzano che va vicinissimo al gol per ben quattro volte senza però mai riuscire a concretizzare i preziosi palloni arrivati dalle parti dell’attento Hamatay. Su tutte l’occasione capitata al 38’ a Boaretto, il quale non riesce ad approfittare di un pallone vagante in area piccola su corta respinta del portiere locale.
Ma al 45’ arriva la beffa per gli ospiti, quando il non troppo preciso direttore di gara assegna una punizione dal limite per i locali: al tiro si presenta Greco che colloca la palla all’incrocio.
Dopo tre minuti di recupero l’arbitro fischia la fine facendo scatenare un urlo liberatorio a tutto il Sommacustoza, e facendo invece inveire  tutti i supporter del Castel d’Azzano, che avrebbe meritato sicuramente di più; ma il calcio è anche questo.
Vietato incazzarsi.