Allievi Regionale A. Speme – Summania.

Dopo la copiosa pioggia notturna, anche il maltempo oggi a San Martino si è preso una pausa, lasciando spazio a qualche ora di sole, con temperatura gradevole, nonostante il forte vento che non ha agevolato per niente il bel gioco. Si gioca sul perfetto campo sintetico degli impianti sportivi Borgo della Vittoria di San Martino.
Si sfidano nell’arena, due squadre che hanno obiettivi stagionali contrapposti. San Martino Speme punta al bersaglio più nobile, ossia la promozione alla categoria superiore, mentre il Summania cerca punti per la salvezza che vista la classifica sembra essere ormai lontana. Se pensiamo che la squadra vicentina di Piovene Rocchette, non vince dalla sesta gara del girone d’andata e a parte qualche pareggio negli scontri diretti, ha sempre perso, sulla carta, la partita sembra essere ampiamente alla portata della squadra di mister Franchini, ma attenzione a non sottovalutare l’avversario che già all’andata aveva messo in difficoltà la compagine bianco nero azzurra.

 

SAN MARTINO SPEME – SUMMA  (1-1) 2-1

SPEME : 1 Ferrari, 2 Piccoli (13 Tarana dal 12’ st), 3 Cassano, 4 Ferraro, 5 Savino, 6 Cap Seghetto, 7 Danzi (15 De Iseppi dal 39’st), 8 Fadini (16 Donatello dal 25’st), 9 Panato, 10 Leoni, 11 Marone (18 Haubert dal 12’st)  A disp. 14 Viviani, 17 Dejic. All.: Gianfranco Franchini

SUMMANIA : 1 Dal Prà, 2 Chemello, 3 Cocco (San Donà dal 15’ st), 4 Silvestri, 5 Zorzo, 6 Cap Gasparella (Medici dal 12’ st), 7 Busin (Strazzer dal 16’ st), 8 Dalla Vecchia, 9 Casarotto, 10 Fiori (Bonesso dal 12’ st), 11 Martini. A disp. 12 Tomiello. All.: Marco Sberze

Arbitro: Elia Antonello di Verona
Reti:  28’ pt Cassano (SMS),  40’pt autorete (SMS), 9’st rig. Cassano (SMS)

 

LA SPEME  RINGRAZIA L’ARBITRO, SUMMANIA SFORTUNATO

Ore 10:35, con qualche minuto di ritardo la partita inizia. Si capisce subito che il Summania non farà da sparring partner e infatti la prima azione pericolosa al 3’ pt, è proprio una discesa sulla sinistra della squadra vicentina che vede un cross pericoloso in area ribattuto dall’improvvisato difensore Danzi (SMS). Al 10’ pt l’arbitro è costretto ad estrarre il primo cartellino giallo della giornata verso il numero nove Casarotto (SUM) per un fallo ingenuo sul difensore Seghetto (SMS). Solo al 12’ pt la squadra di casa si fa vedere per la prima volta di fronte alla porta del numero uno del Summania, Dal Prà. Passaggio filtrante di Panato (SMS) dalla sinistra che non trova pronto il compagno di squadra Leoni (SMS) solo davanti al portiere con un tentativo in scivolata di impattare col pallone.
Un minuto dopo, al 13’pt fallo per il Summania al limite dell’area destra della Speme e conseguente calcio di punizione. Si incarica del tiro il numero otto Dalla Vecchia (SUM), che calcia direttamente in porta e il pallone prende la traversa. Al 18’pt ci prova Fadini (SMS) con un tiro da fuori area, ma la palla viene ribattuta e per poco Danzi(SMS) non ne approfitta. Sul seguito dell’azione l’arbitro fischia una punizione dal limite per la Speme. Va a calciare ancora Fadini (SMS), ma trova pronto un Dal Prà (SUM), che si distende sull’angolo basso a destra della sua porta e mette a lato. Al 25’altra situazione pericolosa, con un angolo battuto dalla Speme, ma Cassano (SMS) di testa spedisce sopra la traversa.
Al 28’ pt, arriva la svolta della partita. Discesa sulla destra di Leoni (SMS) con scarico palla a Marone (SMS), il quale calcia in porta un tiro rasoterra destinato ad uscire, ma sulla traiettoria deviata e sfiorata dai difensori del Summania interviene Cristian Cassano (nella foto di copertina) che a due metri dalla linea di porta insacca il vantaggio dei padroni di casa. Verso la fine del prima frazione di gara, al 34’ c’è tempo per una seconda ammonizione rimediata da Leoni (SMS) per un fallo inutile a centrocampo su Casarotto (SUM). Allo scadere 40’ pt, la difesa della Speme si fa trovare impreparata su un’azione dalla sinistra della fascia del Summania, che riesce a crossare al centro e dopo una serie di batti e ribatti, Seghetto (SMS) nel tentativo di mettere ordine, con un retropassaggio di testa verso il suo portiere, lo prende in controtempo e insacca una clamorosa autorete che fa esultare la squadra del Summania. Il primo tempo si chiude dopo un minuto di recupero che vede il Summania in attacco, incapace di sfruttare una punizione dal limite concessa per un fallo di mano di un frastornato Seghetto (SMS) non ancora ripreso dall’autorete.

Ragazzi tutti negli spogliatoi a meditare su un primo tempo non esaltante, deciso solo da alcuni episodi più o meno favorevoli. Il secondo tempo inizia sullo stesso ritmo del primo con due squadre che non riescono ad esprimere gioco e vengono agevolate solo dagli sbagli dei rispettivi avversari. All’ 8 st, ci pensa l’arbitro a dare una mano ai padroni di casa. Cassano (SMS) in area vicentina viene contrastato in maniera regolarissima da un difensore e cade a terra con tuffo degno del migliore Cagnotto (padre o figlia, fate voi). Per il direttore di gara è rigore.
Sul dischetto va lo stesso Cassano (SMS) e segna una rete pesante e importante. Quattro minuti dopo mister Franchini decide di inserire gente fresca e cambia un difensore Piccoli per un altro difensore Tarana. Sempre al 12’ st fuori anche Marone (SMS) e dentro Haubert (SMS). Il mister del Summania che vuole recuperare a tutti i costi, cambia il suo capitano Gasparella con Medici e il suo numero dieci Fiori con Bonesso. Nei minuti successivi tenta il tutto per tutto con l’innesto di altre due pedine San Donà e Strazzer per Cocco e Busin. Al 19’ st è proprio Strazzer

(SUM) che con un’azione solitaria riesce a liberarsi al limite dell’area e calciare verso la porta di un attento Ferrari (SMS) che para con sicurezza. Al 25’ st fuori Fadini (SMS) e dentro Donatello (SMS), ma la partita continua a non decollare e il gioco appare confusionario e poco incisivo sia da una parte che dall’altra. Altra ammonizione al 25’st, al numero otto  Dalla Vecchia (SUM) per un fallo sulla trequarti su Panato (SMS). Da segnalare solo una punizione dalla trequarti di Danzi (SMS) che impegna il portiere Dal Prà (SUM) al 30’ st, poi niente più fino al termine della gara.
Finisce una partita grigia che ha visto due squadre con molta confusione in campo e che ha premiato fortunosamente la Speme San Martino.  Speme che, complice la sconfitta dell’Olimpica Dossobuono, approfitta della situazione e allunga sulla terza in classifica, facendo un quasi decisivo passo avanti verso l’obiettivo. Summania invece che ne esce sconsolato e incassa l’ennesima sconfitta di misura, segno forse che l’annata ormai è andata e che deve pensare eventualmente a un futuro di ricostruzione.
La classifica sorride ai ragazzi di Franchini e a conti fatti, la Speme nelle prossime quattro partite dovrà fare 7 punti per raggiungere la promozione, sempre che l’Olimpica Dossobuono vinca tutte le partite compreso il recupero non disputato con la Virtus di domenica scorsa.

Mirco Panato


 “[Famosa gaffe] Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco.
(Giovanni Trapattoni)