Juniores Elite A. Anticipo Giornata 17.

E’ la Virtus operaia quella che piace tanto ad Adriano Zuppini e che risiede nella zona medio alta della classifica Juniores Elite: in questa squadra non ci sono i fenomeni capaci di segnare a raffica, c’è piuttosto un centrocampo umile e generoso impostato su Posenato (nella foto di copertina) e Minervino, che interdisce, filtra, difende e costruisce per gli avanti rossoblu pochi gol ma buoni. Anche la difesa è più che valida, con Momodu portiere ermetico e i due esterni bassi, Trionfante e Curti che sanno intervenire con sicurezza nei momenti più critici.
Caldiero ha un’altra fisionomia, o meglio l’aveva. Fino al cambio di panchina la squadra era impostata sulle individualità che più di qualche volta hanno dato segno di scollamenti e di mancanza di dialogo in campo. Adesso la squadra sembra più un’orchestra con Andriollo a dirigere e a stoccare con la nota decisiva come è successo ultimamente.

Sul campo Mazzola di Verona, alle ore 15,00, si è giocato l’anticipo della giornata 17 (turno infrasettimanale) deciso con senso dell’opportunismo dalle due società che hanno approfittato così del turno di riposo.
Massimiliano Corsi della Virtus non ha grandi problemi, la classifica è tranquilla ed è l’occasione per provare qualche giovane con minutaggio ridotto.  Enrico Fracasso è stato promosso sul campo, sostituendo Antonio Vandin. I gialloverdi hanno cambiato registro e con una maggior concretezza in campo, sono arrivati anche i risultati.


 

VIRTUS – CALCIO CALDIERO TERME 0-0

VIRTUS : Momodu, Trionfante (82′ Zoppi), Curti, Iurato, Rossi, Posenato, Boudhina (52′ Giacomazzi), Minervino, Castagnini (89′ Zamboni), Gesuita (70′ Anoardo), Furlani (73′ Melotti). A disp. Marziale, Cambioli.

CALCIO CALDIERO TERME: Anderloni, Bogoni (70′ Cazzola), Straparava, Mosele A. (82′ Malgarise), Ziglioli, Momodu, Aspetti, Mosele E., Andriollo, Sacconi (69′ Laperni), De Togni (76′ Magrinello). A disp. Trecani, Gagliotto, Gazzabini.

Arbitro: Alessio Panozzo di Vicenza

Allenatori:
Massimiliano Corsi (V) –  Enrico Fracasso (C)

 

Partita molto tecnica nonostante le condizioni non perfette del campo di gioco sul quale le due squadre si sono affrontate a viso aperto cercando di superarsi a vicenda.
Il Caldiero si è dimostrata squadra tecnica e manovriera, più efficace ed essenziale la Virtus nelle ripartenze e verticalizzazioni. I primi 10 minuti sono caratterizzati da scaramuccie a centrocampo con il nulla di fatto.
Al 17º prima grande occasione per la squadra di casa che su un lancio in ripartenza di Gesuita,  Castagnini si invola verso la porta avversaria superando i difensori ed il portiere con un pallonetto a colpo sicuro, ma in extremis Zilioli salva sulla linea.
Ancora Virtus al 18º con un cross di Boudinha ma Castagnini riesce solo a sfiorare la palla.
Capovolgimento di fronte del Caldiero, intelligente corridoio di Sacconi per Andriollo che spreca a lato.
Al 27º azione manovrata dal centro campo del Caldiero con filtrante improvviso ancora per Andriollo che impatta sull’attento estremo difensore della Virtus, Momodu.

Virtus Jr Elite Nicolò Gesuita

30°, ancora pericolo sul calcio d’angolo successivo, con la palla che rimbalza davanti al portiere respinta dall’attento Trionfante sulla linea di porta. Pareggio dunque anche come salvataggi sulla linea, 1-1
Aspetti che mette in mezzo l’area per l’accorrente Straparava che controlla e tira ma è facile la parata di Momodu.
Si riprende,  al 32º la Virtus, in azione manovrata libera al tiro Gesuita che da 30 metri lascia partire un fendente deviato in angolo da Anderloni, ben posizionato fra i pali.
Al 37º ripartenza micidiale della Virtus con Castagnini, che a tu per tu con l’estremo giallo erde si fa a ribattere il tiro davanti alla porta avversaria. Dopo tre minuti di recupero finisce un primo tempo scoppiettante.

Inizio subito il secondo tempo con un’occasione su un batti e ribatti in area concluso dal Tanke gialloverde ma neutralizzato dal sempre attento Momodu. (il Tanke sta a significare la potenza di Andriollo ndr.)
Al 49º punizione a favore del Caldiero da 25 metri calcia magistralmente Mosele Andrea, parata all’incrocio dei pali deviata in volo plastico da Momodu. Un minuto dopo ripartenza ancora del Caldiero il solito Andriollo fa 30 metri in  issione solitaria con palla al piede per arrivare a tu per tu con Momodu, il quale non intimorito dalla potenza del Tanke si oppone e ribatte il tiro.
Al 61º batti e ribatti in area ospite rinviato in extremis dal centrale difensivo Zilioli, migliore fra i difensori.
Al 62º ancora Virtus, con cross in area di Giacomazzi per l’accorrente Iurato che calcia a colpo sicuro ma Andriollo oggi è in vena di miracoli,  fa un grande intervento neutralizzando la minaccia.
Al 64º annullato un gol al Caldiero per corretta segnalazione di fuori gioco di De Togni.
Al 73º calcio d’angolo per la Virtus calciato da Iurato, Anderloni esce a vuoto ma il neo entrato Melotti non riesce ad approfittare dell’opportunità.
All’80º discesa inarrestabile di Posenato che semina in progressione gli avversari sulla destra con delizioso cross sul quale arriva Iurato che però non riesce ad angolare di precisione l’incornata.
Ultima occasione per il Caldiero che da un preciso traversone in area,  stacca il solito panzer Andriollo, ma senza inquadrare lo specchio della porta.
Poi la carrellata delle sostituzioni che sancisce la fine delle ostilità dopo 6 min di recupero.

Partita tutto sommato equilibrata, molto dinamica e ricca di emozioni, con leggera prevalenza territoriale ospite, ma con occasioni più limpide della compagine rossoblù. Un plauso a tutti i contendenti, che nonostante il grande agonismo ha dimostrato in campo grande FairPlay che ha permesso all’arbitro  Alessio Panozzo di Vicenza di dirigere in tutto relax. Una bella giornata di sport che ha divertito anche il numeroso pubblico presente al Mazzola.

con la collaborazione di Iurato Ignazio