Juniores Provinciali Verona. Giornata 7-8.

Gironi apertissimi ad ogni risultato, sabato dopo sabato; i primi due posti sono un traguardo per molte squadre e nessuno molla la possibilità di arrivarci.  Solo nel girone A, La Vetta sembra avere un passo in più rispetto alle altre del girone mentre nel girone B il Rosegaferro interrompe il filotto di vittorie offrendo speranze ad un gruppetto di almeno 6 squadre. Negli altri due gironi, incertezza assoluta.
Ecco il punto al campionato e le previsioni di Thomas Ardieli.

Non perde un colpo la compagine di Domegliara al comando del Girone A, i bianco-blu la spuntano anche nella giornata 7, trascinati dalla rete di Leso, centrocampista ’99 pedina fondamentale già dalla passata stagione per i domegliaresi. Vittoria ai danni dell’ostico Valgatara in una partita molto tesa macchiata anche da due espulsioni, una per parte, anche se molto più decisiva quella per gli ospiti arrivata a metà del primo tempo. Ci ha raccontato come è andata il Mister del La Vetta Tommaso Composta:
Mister, ottima prova quella contro il Valgatara, un’altra vittoria che vi mantiene in prima posizione, peccato per i tre punti persi a tavolino proprio con la seconda della classe Saval, sul campo sareste l’unica squadra ancora a punteggio pieno e con 9 punti sulla seconda. Questa cosa vi fa male oppure vi da consapevolezza che siete davvero una buona squadra e vi da la carica giusta per rimanere davanti fino alla fine?
‘Tre punti molto sofferti contro un ottimo Valgatara che non ha sfigurato nonostante l’assurda espulsione iniziale, noi però siamo stati bravi a sfruttare l’occasione che abbiamo avuto e poi abbiamo rischiato molto poco.  Siamo la davanti ed è quello che conta.  Non voglio pensare a quello che è successo la prima giornata, siamo una buona squadra e faremo in modo che quei tre punti non siano determinanti alla fine del campionato!’

Prossimo match fuori casa col Real San Massimo, l’obbiettivo sono sempre i tre punti anche se dovrà fare a meno di Marchi, esterno classe ’99 già autore di 4 reti e 5 assist, a causa dell’espulsione nel finale col Valgatara, come rimedierà a questa emergenza la davanti?
‘Sabato affrontiamo un’ottima squadra che è partita forte, fanno tanti gol, dovremmo stare molto attenti. Ovviamente andremo nel difficile campo di San Massimo per cercare i tre punti. Marchi è un giocatore importante per noi ma abbiamo numerose alternative di valore e non ci faremo trovare impreparati!’

Nelle altre gare del girone il Saval continua a recitare il ruolo di inseguitrice, sconfiggendo 5-3 il Real San Massimo e rimanendo a tre lunghezze dalla capolista. Rialza la testa l’Arbizzano che tramortisce 4-0 il Team San Lorenzo e si riprende il terzo posto a quota 12 punti. Perde terreno invece il Pedemonte sconfitto 1-0 e raggiunto dallo stesso Peschiera. 10 punti condivisi anche da Valpolicella e Parona, i primi che sembrano aver trovato la giusta condizione visto il 5-0 col Lazise, i secondi vincenti 4-3 sul San Zeno sq.B e quindi senza spostamenti di classifica. Chiude il girone A,   il capitombolo contro pronostico del Sona Palazzolo, sconfitto in trasferta dal San Marco per 2-0.
La macchina  da guerra Rosegaferro s’inceppa col Castel d’Azzano, padroni di casa che mantengono il primato della classifica ma fanno guadagnare terreno alle inseguitrici nel girone B . Castel d’Azzano che esce illeso a sorpresa visto i soli tre punti totalizzati nelle prime 6 giornate, ci ha chiarito come è andata Mister Emanuele Zanon:
Mister, pareggio pesantissimo in casa del carroarmato Rosegaferro, siete i primi capaci di strappare punti a questa squadra e i pronostici non erano certo a vostro favore vista la classifica, qual’è stato il fattore determinante per portare a casa questo punto?
‘Pareggio che ci sta anche corto visto che nonostante l’inferiorità numerica per ben 60 minuti abbiamo comunque continuato ad attaccare giocando a viso aperto.La squadra ha un’ottima qualità tecnica e stiamo crescendo bene, sono molto fiducioso dei miei ragazzi.’

Prossima giornata altra gara complicatissima con il Sommacustoza, pensa di poter ripetere una prestazione come quella di sabato? Se dovesse fare un pronostico?
‘Sabato ci aspetta un’altra gara molto importante ma i ragazzi stanno lavorando bene per fare sempre meglio. Lo sa bene il nostro capitano Andrea Perbellini, centrocampista classe ’99 che rappresenta una delle nostre certezze cui faremo affidamento anche nel prossimo match. Pronostici non ne do, che vinca chi gioca il miglior calcio.’

Nelle altre gare del girone sfrutta l’occasione il Povegliano che sconfigge 3-2 il Quaderni e si porta minacciosamente a -1 dalla capolista Rosegaferro. Terzo posto diviso in quattro. Torna di moda l’Alpo Lepanto che è un fiume in piena, 19 gol nelle ultime tre partite, tra cui 4 quelli rifilati questo sabato al Primavera 99 (4-1). Tiene il passo anche il Mozzecane che passa con un più moderato 2-1 sul Borgo Trento ma ottiene comunque i tre punti che le consente di raggiungere quota 15. Chiudono il quartetto Sommacustoza e San Zeno con i primi che agganciano i secondi a seguito di un’agguerrita battaglia terminata 1-0 per i padroni di casa del Somma. Momento no per il Valeggio che perde ancora, stavolta sottovalutando l’Olimpia Ponte Crencano che vince per 3-2. Rimane ancorato a zero punti invece il Croz Zai che subisce lo sfogo del Noi la Sorgente per un finale di 7-0.
Nel girone C, Zevio beffato. Ritorna il sorriso sul volto dei tecnici del Raldon: dopo un inizio di campionato non esaltante (5 punti in 6 partite), sabato è arrivato un pesante 1-0 esterno contro l’ottimo Zevio. Massimo Santi, dirigente accompagnatore e allenatore in seconda, ci ha raccontato come è andata:
Vittoria pesante e contro pronostico quella con lo Zevio, si comincia a vedere uno spiraglio di luce del Raldon della passata stagione (quello che ha raggiunto le finali) o sono stati cambiati troppi giocatori e le aspettative quest’anno sono piu basse?
‘Quella con lo Zevio è stata sicuramente la miglior partita disputata fin qui dai ragazzi, giocata con la grinta e l’agonismo che ci ha permesso di vincere lo scorso anno il campionato. In queste prime partite però non siamo stati sempre costanti ed abbiamo commesso qualche errore che non ci ha permesso di raccogliere punti che magari meritavamo sul piano del gioco. Mi auguro che la partita di Zevio possa darci la scossa giusta per ripartire, ripetere quanto fatto lo scorso anno sarà difficile, ma il gruppo è buono e si sta amalgamando bene anche con i nuovi giovani del 2000 provenienti dai nostri allievi. Non ci fissiamo obiettivi, il mister e i ragazzi stanno lavorando duramente partita dopo partita per fare sempre meglio e cercare di tornare in alto.’

Prossimo match con la capolista Belfiorese, dopo tre punti importanti avete la giusta carica per andare a giocarvela a viso aperto o teme la superiorità sulla carta della Belfiorese?
‘Sabato prossimo andremo in campo per cercare di vincere come sempre, rispettando comunque una squadra come la Belfiorese, la quale sta andando molto forte in questa prima parte di campionato. Conteremo sull’ottimo momento di forma del nostro esterno d’attacco Davide Rubinaccio, classe 2000 autore tra l’altro del bellissimo gol contro lo Zevio, e della sicurezza difensiva Luca Furini, classe ’99, difensore composto e col vizio del gol.’

Nelle altre gare del girone la Belfiorese si prende il primo posto solitario con un 5-0 ai danni della Sampietrina, sfruttando il passo falso della rivale Aurora Cavalponica che non va oltre a un deludente 2-2 in casa con l’Isola Rizza. OccasioneIl sorpasso non sfruttata dal Cologna che con lo stesso parziale pareggia contro il Casaleone e rimane a -1 dall’Aurora. Dalle retrovie arriva con prepotenza il Porto, che non si fa spaventare dalla fama del Bovolone e lo supera sia in campo (4-0) che in classifica (12 punti). Piazzamento in classifica condiviso dall’Albaronco che fa suo il match delicato contro la Scaligera, terminato 1-0 per i padroni di casa. Chiude il girone l’1-1 tra Sanguinetto e Atletico Città di Cerea, con i secondi che non riescono più a vincere nonostante la buona partenza iniziale.
Non può permettersi passi falsi la capolista Juventina nel girone D,  che in casa ha sempre vinto e mantiene la tradizione archiviando la pratica Pro San Bonifacio per 4-2. San Bonifacio che però non ha reso vita facile ai primi in classifica, dando più grattacapi del previsto. Mister Antonio Sorgente ha raccontato il sabato dei suoi:
– Mister, purtroppo è arrivata una sconfitta con la prima della classe Juventina, 4-2 che però ha messo in luce anche qualcosa di buono dalla vostra, negli avversari ha visto una squadra che secondo lei può dirigire il girone fino alla fine o meritavate qualcosa in più?
‘La Juventina è sicuramente una buona squadra, che manterrà la prima posizione fino alla fine è un po’ presto per dirlo, noi abbiamo pagato l’inesperienza e la gestione errata di alcuni momenti: abbiamo subito il primo gol dopo un minuto e gli altri tre nei primi 5 minuti del secondo tempo. Qualcosa in più forse meritavamo visto le occasioni procurate: un palo e un gol annullato nel primo tempo, due gol fatti nel secondo tempo, più altre tre o quattro occasioni procurate in inferiorità numerica.’

-Prossima gara in casa col Real Monteforte, si aspetta una reazione da parte dei suoi con obbligatori i tre punti?
Dalla prossima gara mi aspetto una reazione sia sul piano del gioco che sul piano della gestione della partita, non possiamo avere dei balck out quando subiamo un gol, serve continuare a giocare come sappiamo fare, ma è un atteggiamento migliorabile che sicuramente otterremo col tempo visto che siamo un gruppo nuovo. In casa abbiamo sempre fatta bene quindi sono fiducioso di poter fare punti importanti col Monteforte.

 Nelle altre gare del girone D,  il Colognola guadagna la prima posizione con risultati sempre più convincenti: 1-0 d’oro in un gara esterna piuttosto complicata contro l’Ares. Posizione condivisa con Intrepida e Illasi, fermate entrambe da un pareggio, i primi 2-2 dall’ottimo Borgo Soave, avversario mai facile, i secondi;  1-1 con l’Avesa, altro avversario che può fare male a chiunque. Arrivano i primi tre punti per il San Giovanni Ilarione, che tra le mura amiche supera 4-1 il Borgo San Pancrazio. Chiude il girone l’ennesimo pareggio di giornata, quello tra Monteforte e Corbiolo, rispettando il pronostico di squadre dalle moderate ambizioni di classifica. Turno di riposo per il Cadore.


 

 


I Simpatizzanti di Giovanigol sostengono il calcio giovanile ad Amatrice