Sperimentali Girone B. Giornata 7.

Oggi a San Martino si son scontrate due tra le squadre più in forma del girone. Il Montecchio si presenta con una squadra ben messa dal punto di vista fisico, pratica un bel gioco con discrete personalità, la Speme invece si presenta con la formazione tipo sulla quale pesa l’assenza di Zerman, fuori per squalifica e dove ritorna Conti dopo l’esperienza negli élite.

 

MONTECCHIO – SPEME (0-2) 0-3
Arbitro: Giuseppe Parise di Verona
Reti: 5’pt Campominosi (MM), 25’pt e 15’st Lo Bocchiaro (MM)

La Speme parte meglio, ma al 5’ del pt, su calcio d’angolo, Campominosi del Montecchio, libero da marcature, colpisce indisturbato di testa con la sfera che si insacca in rete. Leggera la risposta dei padroni di casa, che spesso si affaccia davanti alla porta avversaria ma senza mai creare grossi problemi. Il Montecchio da parte sua fraseggia molto e risulta pericoloso nelle verticalizzazioni. Gli ospiti arrivano prima sul pallone, e queste è anche evidente quando minuti più tardi, a causa di un pasticcio della difesa, oggi superficiale, premia l’aggressività di Lo Bocchiaro, del Montecchio, che si incunea tra i due difensori punendo l’incolpevole Dumea. Il primo tempo si chiude 2 a 0 per gli ospiti che meritatamente chiudono la frazione in vantaggio.
Il secondo tempo inizia senza cambi, ma sempre la Speme poco convinta dei propri mezzi, con una squadra lunga e con poche chiusure viene punita in contropiede subendo il terzo gol a metà del secondo tempo.
Cominciamo i cambi, sia da una parte che dall’altra, compresi i portieri, dove quello di casa, Guglielmoni, è l’unico che fa notare la sua presenza con due belle uscite.
La partita si chiude sul tre a zero, risultato pesante che forse non rispecchia il valore in campo delle due squadre, ma che di sicuro ha premiato quella che al momento, ha dimostrato di essere più forte. I migliori della Speme, Bertoldi, instancabile e caparbio e Bonini, bravo ad emergere in mezzo al campo.
Di sicuro il lavoro di mister Lerco si può notare già tanto, ma la panchina corta, l’assenza di oggi per squalifica di Zerman, il rientro di Conti ancora non abituato agli schemi della squadra, fanno ben sperare su un affiatamento migliore e su nuove sinergie che la Speme è in grado di dare nel futuro, cominciando già dalla trasferta contro l’Union Pro di domenica prossima.