30° Città di Verona.  Girone H. Villafranca – Polisportiva Negrar.

Ce l’ha messa tutta il Negrar per portare a casa almeno un pareggio (che comunque  non sarebbe servito a passare il turno) ma il Villafranca ha fatto sentire negli ultimi due tempi la forza della squadra esperta che non poteva permettersi ulteriori passi falsi dopo il pareggio iniziale col Nopi la Sorgente che giocherà domani l’ultima gara con l’Ambrosiana.  Gara non inutile, perchè servirà a chiarire la posizione in classifica nel girone H.
A rigor di logica il primo posto dovrebbe essere assegnato al Villafranca poichè è abbastanza improbabile che il Noi La Sorgente possa vincere con oltre 5 reti di scarto contro i rossoneri che vorranno lasciare il torneo con un buon ricordo.
Quindi se le previsioni sono esatte, negli ottavi al Villafranca toccherà il Casteldazzano mentre il Noi la Sorgente se la vedrà con l’Intrepida.

 

Villafranca – Polisportiva Negrar 5-0
(0-0) (2-0) (3-0)

Villafranca: Balsamo, Xhepa, Ibanez, Dal santo, Falzoni, Gobbi, Ugolini, Beghin, Ginco, Perini, Cappellaro, Montresor, Hasaj, Fornaser,  Trevisani, Bors, Zanotto, Facci. All. Federico Moretto

Pol. Negrar:  Riolfi, Tommasi F., Mion, Tommasi V., Dalle Pezze, Ceschi, Lerose, Poiesi, Sordo, Zanotti, Lado, Marogna, Righetti, Turrini, Cupo, Brunelli, Aldrighetti. all. Pugliese Giuseppe, vice. Marogna Andrea

Arbitro: Ferrari Fausto di Villafranca
Reti: 11’st Capellaro (V),  16’st Trevisani (V), 4’tt e 18’tt Ugolini (V), 12’tt Ginco (V)

 

Villafranca Eso 2005 (arbitro Ferrari Fausto)

Si chiude al Comunale di via Porta la seconda giornata del girone H di questo 30° Città di Verona: il campo di Villafranca è un bigliettaio generoso, che stacca un biglietto per gli ottavi ai padroni di casa, impostisi perentoriamente contro il Negrar di mister Pugliese, e allo stesso tempo ne stacca uno omaggio al Noi la Sorgente, con mister Scarsetto che festeggia il passaggio del turno prima ancora che i suoi ragazzi solchino il campo di via Bisenzio contro l’Ambrosiana, ormai fuori dai giochi.
Troppo superiori i castellani stasera, per un Negrar che si è comunque fatto apprezzare per organizzazione tattica, coraggio nel partire sempre palla bassa impostando il gioco da dietro, e per una tenuta fisica invidiabile, contro avversari più pronti anche fisicamente. Dura un tempo e mezzo il muro granata, quando il Villafranca riesce finalmente a sbloccare il match l’assedio si concretizza e il risultato assume dimensioni importanti. I ragazzi della Valpolicella non hanno comunque mai mollato fino al termine della partita, atteggiamento che ha loro permesso di evitare un passivo ancor maggiore. La delusione per loro, alla fine, era palpabile (anche sugli spalti): credere nel passaggio del turno era d’obbligo, ma oggi era oggettivamente difficile fare di più.

Villafranca Eso 2005 (all. Federico Moretto)

Festeggia il Villafranca, che la settimana prossima se la vedrà con la working class del Casteldazzano, squadradall’indole battagliera con alcune individualità niente male, mentre il Noi la Sorgente sarà impegnata domani sera per la passerella finale, la partita che “non s’ha da fare” visto il procrastinamento seriale che l’ha vista coinvolta nelle ultime 2 settimane, in attesa di misurarsi agli ottavi con i rossoneri della Polisportiva Intrepida.