Giovanissimi Elite A. Giornata 5 di ritorno.

Mister Franchin attendeva i rossoblu come la gara della stagione: allenamento in più durante la settimana, prove tattiche a ripetizione e nuovi schemi su eventuali palle inattive. Ce l’hanno messa tutta i ragazzi di Ariano Polesine per fermare i rossoblu, capoclassifica senza problemi.  Il Bocars durante la gara, ha messo in mostra il miglior centrocampo della stagione che ha prodotto più di qualche occasione per il pericoloso Hermes ma anche per Borgiani e Vianello, ottimi in percussione.  Virtus più concreta e opportunista, ha piazzato i colpi del ko nel gold moment del Bocars, annichilendo le velleità degli avversari. Pinelli e Sacco, due dei tanti bomber della truppa di Mauro Zanotti che sta conducendo con autorità questo girone.

 

BOCARS  J. – VIRTUS (1-2) 1-2

BOCARS J.: Broccoli, Braghin, Zanellami, Franzoso, Lavigna (1°st Rossi), Bonaldo (20°st Lembo), Berardi, Granini, Borgiani, Hermes, Vianello, A disp.: Padricelli. All.: Franchin

VIRTUS: Tosi, Silvestri (1°st Bazzerla), Pizzini (1°st Calabrese), Scamperle (12°st Romano), Iurato, Ferrari, Pegoraro (1°st Murtezi), Pinelli, Sacco, De Carolis (28°st Zukic), Zuccher. A disp.: Borghetti, Lala. All.: Zanotti

ARBITRO: Mihail Gumenii di Adria.
RETI: 8°pt Pinelli (V), 24°pt Sacco (V), 26°pt Hermes (B)

 

La Virtus parte decisamente meglio, aggressiva e ordinata e sfrutta probabilmente un po’ di timore da parte degli avversari per portarsi in duplice vantaggio: di Pinelli su punizione l’apertura delle marcature e di Sacco il raddoppio, che dopo aver intercettato un rinvio basso del portiere si invola solo verso la porta e batte l’estremo difensore. Subito dopo ci sarebbe la possibilità del 3 a 0 ma Pegoraro svirgola di testa una pennellata sul secondo palo. Questa volta, complice anche la leggerezza dei virtussini, la dura legge del gol bussa però alla porta dei rossoblù: una punizione dai 20 metri non adeguatamente sorvegliata, viene battuta improvvisamente corta per Hermes che ha il tempo di avanzare qualche metro e di lasciar partire un tiro dal limite che si insacca alla sinistra di Tosi.
Partita si riapre e il Bocars  prende coraggio.

Il resto della partita è un alternarsi di capovolgimenti di fronte con la Virtus però più pericolosa e che in un paio di occasioni avrebbe potuto chiudere la contesa. Ma i locali non hanno certo lasciato nulla di intentato pur di giungere al pareggio, lottando su ogni pallone e sfiorando il gol quasi a tempo scaduto quando l’imprendibile Hermes si è accentrato palla al piede e ha lasciato partire un tiro a giro che ha toccato la base del palo lontano per poi uscire.

Altra vittoria sofferta quindi ma anche saper soffrire è una qualità indispensabile per raggiungere gli obiettivi.
E meno male che ci sono i pali a tempo scaduto.

Mauro Zanotti