Juniores Provinciali.Giornate 10 e 11.

Scossoni in tutti e quattro gironi, stanno emergendo nuove realtà finora sottotraccia alla ricerca della miglior condizione atletica e dell’affiatamento di gruppo. Preoccupa qualche squadra con pochi punti, ma l’invito della redazione è quello di continuare a giocare senza preoccuparsi della classifica. Seguiamo con simpatia le vicende di Croz Zai e San Giovanni Ilarione pronti a brindare.

Il maltempo si riconferma il peggior nemico dei campi di provincia, tante le gare rimandate in tutti i gironi, a partire dall’A, dove su sette gare se ne sono giocate solo tre. Tre gare però pesantissime e con risultati importanti, a partire dal nuovo passo falso del Saval (terza gara senza vittoria, foto di ” consolazione al suo mister Giuovanni Zanella), che si fa sormontare 3-0 dal Valgatara in ottima condizione e per di più con una difesa eccellente, la quale inizia a guadagnare credibilità come inseguitrice. Cade per la prima volta sul campo la capolista La Vetta. Sonoro il 4-0 rifilato dal Peschiera,

Saval Jr Prov all. Giovanni Zanella

risultato forse un pò eccessivo, con la compagine di Domegliara sprecona sottoporta e protagonista di qualche leggerezza difensiva, ma con un Peschiera che non ha certo rubato nulla e ha meritato la vittoria giocando un buon calcio, cinica e rapida in avanti,  compatta e attenta in difesa (non per nulla è la miglior retroguardia del girone con solo 6 gol subiti). Il parziale è lo stesso nella gara che chiude questa magra giornata, passa il Valpolicella per 4-0 tra le mura del Real San Massimo. Valpolicella ottima squadra in netta ripresa e ci aspettiamo possa tornare a competere per un posto qualificazione.

Qualificazione che dovrà essere sudata nel girone B, dove le prime quattro stanno in soli due punti e la lotta è più combattuta che mai. Quattro gare giocate su sette, che hanno impegnato tutte le prime della classe, tra cui il Povegliano che spuntandola 1-0 sul Mozzecane agguanta il Rosegaferro. Mozzecane che però ha dato filo da torcere a una delle squadre che puntano al primato, giocando a viso aperto come ci ha raccontato Massimiliano Nigro:

-Mister, peccato per la sconfitta di misura contro il Povegliano, vincere vi avrebbe avvicinato alle zone qualificazione della classifica. Quali sono i suoi obbiettivi stagionali?-
Sconfitta di misura, sconfitta amara dopo aver preso un palo, una traversa e aver sbagliato goal facili davanti alla porta. Nel primo tempo sabato abbiamo trovato qualche difficoltà visto il campo è l’impossibilità di giocare palla a terra, ma nel secondo con il cambio di modulo e lo spostamento di certi giocatori in zone del campo abbiamo dominato e creato molto, peccato per gli errori tecnici. Alla fine ci siamo allungati e abbiamo subito una ripartenza facile da interpretare quindi purtroppo dobbiamo recitare il mea culpa.”

-Prossima gara col Quaderni, non da sottovalutare, si aspetta una scossa dai suoi ragazzi?-
Sabato per noi è un derby, servirà applicazione, intelligenza e voglia. Sono sicuro che i miei ragazzi non mi deluderanno, perché ho un gruppo di ragazzi stupendi e intelligenti. Il mio obbiettivo è cercare di portare alla juniores una mentalità diversa e vincente, negli 11 iniziali 7 sono nuovi, quindi il gruppo si sta formando piano piano. Dobbiamo migliorare tatticamente molte cose e stiamo lavorando in maniera maniacale per l’obbiettivo che è fare calcio in maniera ordinata, preparata nelle due fasi, sia di possesso palla sia di non possesso della squadra. Per me è importante non solo il risultato, ma anche l’ idea di gioco che si va a sviluppare. Fra due settimane gioco contro mio fratello che allena il Somma, Nigro Michael, insieme ad Andrea Corbellari! Speriamo di fare uno sgambetto a lui. I nostri giocatori in ottima forma in questo momento sono il portiere Luca Biasi che non per sopravvalutarlo ma per mio parere è il migliore del girone. Poi  Lorenzo Zangara, difensore di sicurezza e Gianmarco Aio la nostra punta, tutti e tre classe ’99.”

San Zeno Jr Prov Andrea Gelain

E’ proprio il Sommacustoza che si prende il primato della classifica, la decide sempre lui, Bertolaso bomber di razza che infligge al Borgo Trento un risicato ma importantissimo 1-0. Il primo posto è però una torta che si divide in due, la seconda fetta va al San Zeno di Andrea Gelain, mister giovane ma con un ottimo palmares,  che nel big-match di giornata sconfigge la corazzata Rosegaferro con un 3-1 pesantissimo, scavalcandolo anche in classifica. Chiude la giornata il Castel d’Azzano che ripete la buona gara con il Croz Zai e supera il favorito Alpo Lepanto con un largo 4-1 che dona orgoglio alla compagine di casa.

Casa che non porta bene nel girone C, dove su sette partite le vittorie interne sono soltanto due e nessun pareggio. Ne sa qualcosa il Bovolone, che tra le mura amiche ha perso il delicato match contro la Scaligera, compagine che ora ha concrete ambizioni di qualificazione.

 

Ma i rosso-blu nonostante non sia un periodo roseo, credono ancora di poter dire la loro, l’ha svelato infatti mister Francesco Fakes.

-Mister sconfitta che pesa quella contro l’avversario diretto Scaligera, a inizio campionato puntavate ai primi posti,

Bovolone jr Prov Francesco Fakes

ora la qualificazione dista 6 punti, ci credete ancora?-
“Si sabato brutta sconfitta, un periodo un po’ così, ma ci rimboccheremo le maniche. Le prestazioni ci sono, manca un po’ di determinazione sotto porta e un po’ di autostima che non guasta mai. Siamo ancora troppo ingenui. Ci crediamo ancora, assolutamente.”

-Prossima gara vietato sbagliare contro l’Isola Rizza, che errore cercherà di correggere per tornare alla vittoria?-Sabato partita molto importante, dobbiamo ripartire e fare punti per restare ben posizionati in classifica, ci affideremo come sempre a una prestazione corale, in particolare ai gol di Michele Mirandola, nostro capocannoniere con 6 centri, che gestisci le redini del nostro attacco.”

Nessun match rimandato e quindi scorpacciata di risultati con ‘Il pronostico di Ardie’ che indovina tutti e sette gli esiti. Si mantiene in testa la Belfiorese che nella delicata sfida col Cologna non abbassa la concetrazione e passa per 5-3. Sempre in agguato l’Aurora Cavalponica che vince 2-0 a Cerea e si mantiene a 2 lunghezze dalla capolista. Appena dietro l’Albaronco che si sfoga sulla vittima Isola Rizza con un rumoroso 6-0. Raldon e Porto rimangono in scia timbrando le due vittorie interne di giornata: i primi trionfano per 5-1 sul Sanguinetto e confermano lo strabiliante momento di forma, i secondi con un buon 2-1 ai danni del Casaleone in un match non semplice. Chiude il girone l’1-0 dello Zevio con la Sampietrina che tiene gli uomini di Federico Gibellini in una posizione non priva di suggestioni di passaggio del turno (-5 dalla testa assieme a Porto e Raldon).

Corbiolo Jr Prov Alessandro Castellani

Turno che regala più di una sorpresa invece nel girone D, dove la più clamorosa risponde al nome di Corbiolo, che non si accontenta di aver fermato la scorsa giornata l’Intrepida ma si prende puro lo sfizio di sconfiggere la capolista Juventina per 1-0. Mister Alessandro Castellani ne ha raccontato l’ottimo momento dei suoi:

-Mister, vittoria che pesa come un macigno quella per 1-0 contro la capolista Juventina, vi separavano 15 punti in classifica, cosa vi ha permesso di portare a casa dei punti così importanti?-
Siamo una squadra nuova. Mister nuovo, costruita in estate dal sottoscritto e un gruppetto di giocatori con voglia di giocare a calcio. Siamo partiti in sordina anche se ufficialmente in casa non abbiamo ancora perso. Riguardo la partita di sabato per me era un derby (militato 25 anni a Poiano) e i miei giocatori lo sentivano. Anche se onestamente non è stata una bella partita causa il campo impraticabile, è comunque prevalsa la voglia di vincere del Corbiolo.”

 -Prossima gara contro il modesto San Giovanni Ilarione, nei match precedenti anche un pari contro la robusta Intrepida e quattro risultati utili consecutivi, un periodo di forma o una drastica inversione del trend iniziale?-
“Se guardiamo i risultati con le prime tre in classifica risultano 2 pareggi 1 vittoria. Miglioriamo con le altre a partire da sabato prossimo e possiamo puntare a far bene . La forza della nostra squadra è il gruppo ma sicuramente tre giocatori che si sono distinti  in particolare: Composta Andrea, difensore classe ’99, Daci Liridon classe ’00 la punta di diamante del nostro reparto offensivo e Spinelli Joseph, centrocampista classe ’99. Riguardo gli avversari penso di andare controcorrente ma secondo me le squadre più forti che usciranno sulla distanza sono quelle della zona est : Colognola, San Bonifacio e Soave. Gran belle squadre compreso l’illasi che devo ancora incontrare.”

Nelle altre gare del girone finisce a reti inviolate lo scontro al vertice tra Colognola e Illasi, che di fatto non approfittano nel passo falso della capolista Juventina. Cade inaspettatamente anche il Soave, sconfitto 3-2 dal San Giovanni Ilarione che agguanta i primi tre punti del proprio campionato. Chiude il girone e la giornata l’Intrepida che col 4-1 al San Bonifacio si porta in seconda posizione a un solo punto dalla capolista Juventina.

Ancora tre giornate e poi pandoro per tutti.
Prepariamoci intanto al Premio delle Eccellenze, il 15 dicembre prossimo: dei quattro gironi verranno premiati il miglior attacco (attualmente in testa è l’Alpo Lepanto seguito dall’Intrepida) ,  la miglior difesa (attualmente la più efficace è il Colognola seguita dal Valgatara)  e tre bomber doc (classifica in fase di allestimento).
Ricordiamo che ai fini della classifica di premiazione, saranno tenuti validi i risultati a tutto il  9 dicembre, vale a dire per la penultima giornata del girone di andata).
Per il miglior attacco e la miglior difesa verranno invitati gli staff tecnici al completo (allenatore, vice allenatore, dirigente accompagnatore e Presidente della ASD). Per i bomber Doc, i tre marcatori premiati possono essere accompagnati dal loro mister.