Juniores Regionale A. Giornata 7 di ritorno.

Riprende il campionato con i campi nel fango e con la minaccia della neve incombente. Ci si augura che la Figc prima di prendere drastici provvedimenti di sospensione per tutto il Veneto come è già stato fatto due volte nella stagione scorsa,  faccia una verifica provincia per provincia: se a Belluno ci sono i campi di neve e a Venezia c’è l’acqua alta,  a Verona, Vicenza e Padova si poteva e si può giocare.
Almeno dove è possibile cerchiamo (cerchiamo è tempo esortativo rivolto alla FIGC) di evitare recuperi.

Dopo questa necessaria premessa (girata al CRV), analisi della giornata 7 : a Montorio non è stato ancora deciso chi si siederà sulla panchina della Juniores Regionale. Girava voce che il candidato fosse Michele Rossi ma il presidente Peroni non ha confermato e a tutt’oggi ancora non abbiamo notizie certe. Sarà Andrea Chiecchi, a dirigere le manovre per un recupero della prima posizione?

Prima posizione molto improbabile dicono altri mister, indispettiti e solidali con Andrea Olivieri per l’esonero il cui comunicato stampa dell’Asd Montorio è piuttosto immotivato. Si è aperto un toto-Montorio: come si classificherà la squadra biancaneroverde? Ecco le previsioni in percentuale: al 1° Posto (0%), al 2° Posto (5%), al 3° Posto (35%), al 4° Posto (44%), Nessuna risposta (14%). Campione del sondaggio 24 unità intervistate, debole quantitativamente ma sufficientemente rappresentativo.
Manca l’intervista al Montorio stesso, che darà sicuramente una risposta sul campo a cominciare oggi col Lugagnano; incontro non difficile sulla carta ma il Lugagnano ha necessità di punti per guadagnare la salvezza che all’inizio di campionato non rientrava fra gli obiettivi di stagione. I gialloblu sono in buona condizione atletica e non è difficile immaginare barricate e contropiede per tornare a casa magari con tre punti.

Tre punti quasi certi per Olimpica Dossobuono contro il Pozzo e altrettanti per il Cadidavid che ospita il Bardolino ormai rassegnato ad una dolorosa retrocessione: lo distanziano dalla quint’ultima Lugagnano ben 12 punti e per poter partecipare ai play out ne dovrebbe recuperare almeno sei. Troppi.
“Polemica” con mister Greggio del Nogara perchè secondo lui non aveva alcuna ambizione di alta classifica all’inizio del campionato, ma intanto è lì al quarto posto a due punti dal Cadidavid col proposito di mantenerne la scia e di lasciar decidere agli scontri diretti del 10 marzo (Nogara-Dossobuono) e del 14 aprile (Montorio-Nogara).
Inutile dire che il campionato è aperto ad ogni conclusione e poco sotto ci sono altre due squadre in buona condizione – anche se non costanti come rendimento – RealGrezzanaLugo e PescantinaSettimo.

In coda tutto deciso o quasi: resta aperta la competizione fra Team S.Lucia e Montebaldina per la posizione preferenziale nei play out.
Arrivederci a domani pomeriggio per la consueta diretta tramite il gruppo whatsapp.

Ecco le gare e gli arbitri di domani:

 

CADIDAVID -BARDOLINO 1946

Arbitro: Davide Framba Verona
Reti:

MONTEBALDINA CONSOLINI – CASTELNUOVOSANDRÀ

Arbitro: Federico Saporiti Verona
Reti:

MONTORIO – LUGAGNANO

Arbitro: Elia Antonello Verona
Reti:

NOGARA CALCIO – AUDACE CALCIO

Arbitro: Nicolo’ Fianco Verona
Reti:

PESCANTINA SETTIMO CASELLE

Arbitro: Andrea Zanoni Verona
Reti:

POZZO A.S.D. – OLIMPICA DOSSOBUONO

Arbitro: Alessio Sordo Legnago
Reti:

REAL GREZZANALUGO – TREGNAGO 1931 A.S.D.

Arbitro: Marco Bari Verona
Reti:

TEAM S.LUCIA GOLOSINE – OPPEANO

Arbitro: Thomas Manzini Verona
Reti: