Juniores Elite A. La Rocca Monselice – S.Giovanni Lupatoto.

 

I ragazzi di mr. Boccardo hanno incontrato un San Giovanni molto rimaneggiato da assenze e squalifiche, squadra da inventare per mr. Tibaldo che terminerà il campionato dirigendo dagli spalti i suoi ragazzi, con al suo fianco il secondo mr. Bombino, squalificati entrambi per tre giornate, tocca al presidente Perbellini sedere in panchina per inseguire il miracolo della salvezza.
La partita è stata molto ben giocata, maschia,  mai cattiva. Un pareggio sostanzialmente giusto con i lupi sempre a rincorrere ma con la volontà di battersi fino all’ultimo e per una volta premiati dalla “zona Cesarini” spesso nemica in questo difficile campionato. Per i castellani di mister Boccardo tripletta di Zogno con tre goal fotocopia, su altrettante respinte dell’estremo Bellini, oggi prestato alla juniores per la contemporanea assenza dei due colleghi più giovani. Il numero 11 locale, tale Zogno Pietro (nella foto di copertina), il migliore per i suoi, ha il merito di essersi fatto trovare sempre al momento giusto e nel posto giusto, per intuito o per casualità, certamente per lui una bella giornata; a fine partita aveva sorrisi per tutti (e non poteva essere diversamente).
Gara piacevole, molte reti,  sicuramente il pubblico si è divertito.

 

LA ROCCA MONSELICE – SAN GIOVANNI LUPATOTO 3-3 (1-1)

LA ROCCA MONSELICE: Mazzini (1’ st. Facchin), Vegro, Cominato, Zilio, Favaro (33’ st. Lollo), Turra, Milesi (20’ st. Pulze), Basso, De Stefani (1’ st. Ambrosi), De Leo (20’ st. Bergo), Zogno. A Disp.: Longo, Zatti. All.: Boccardo Stefano

SAN GIOVANNI LUPATOTO: Bellini, Rettore, Samrani, Furlani, Soardo, Soave, Finezzo (14’ st. Pareja), Corrà 37’ st. Rancan), Sandri (6’ st. Zordan), Bettini, Ottocento. A disp.: Bissoli. All.: Perbellini Daniele.

Arbitro: Simone Baggio di Bassano del Grappa
Reti: Zogno al 9’ pt.; 2’ st.; 31’ st. (LRM); 16’ pt. Bettini (SGL); 8’ st. Samrani (SGL); 44’ st. Rancan (SGL).

 

Già al 1’ minuto su calcio d’angolo prima azione pericolosa per gli ospiti con colpo di testa di Furlani che stacca benissimo ma a lato.
Poi un paio di situazioni ghiotte per i ragazzi di Mr. Boccardo che non arrivano a colpire per degli interventi un po’ affannati ma risoluti dei biancorossi.
Al 9’ passano in vantaggio i locali, discesa sulla destra di Milesi, allarga su Zilio, calcia quasi a colpo sicuro, la mano aperta di Bellini respinge ma non sufficientemente per allontanare la minaccia, la sfera arriva sui piedi di Zogno che insacca superando anche l’estremo tentativo di Furlani, 1-0.
Al 16’ pareggio del San Giovanni sempre da calcio d’angolo Sandri tocca corto ad Ottocento, cross con il contagiri per Bettini che da un metro tocca di testa quel che basta per superare Mazzini.
Al 20’ splendida azione di Ottocento, dalla linea di fondo di destra ritorna verso il centro superando due avversari, calcia di punta per anticipare l’intervento del portiere ma l’operazione non riesce.
Al 23’ altra bella azione sulla destra degli ospiti Finezzo allunga una palla filtrante per Ottocento, con molto mestiere la punta aggira Turra ultimo uomo e appena vede la porta calcia con forza, di poco alto.
Gli ospiti rinfrancati dell’immediato pareggio giocano bene, in particolare sottolineo una spettacolare azione al 26’, Ottocento riceve una palla a mezza altezza, libera in area con un tacco al volo Finezzo, questo leggermente decentrato sulla destra tira ad incrociare, la palla lambisce il palo opposto, sarebbe stato un goal da copertina.
Al 33’ sempre da calcio d’angolo Soardo lasciato colpevolmente solo sul palo opposto, colpisce di testa a colpo sicuro, i neroverdi si salvano sulla linea di porta con Vegro che sempre di testa riesce a far impennare la palla che arriva docile nelle mani di Mazzini, spettatore ormai battuto del gioco al volo.
Al 35’ dopo tanti minuti di dominio Lupatotino arriva una buona palla al pericoloso Zilio, al dire il vero lasciato troppo solo, calcia con potenza alto non di molto.
Termina il primo tempo 1-1, dopo i primi minuti a razzo del Monselice, molto più San Giovanni.

Il secondo tempo inizia in modo nefasto per i lupi, ottimo lancio dalla difesa al nuovo entrato Ambrosi che brucia in velocità Furlani, il 15 neroverde si presenta solo davanti a Bellini, anche questa volta il portiere a mano aperta respinge e ancora una volta Zogno si trova la palla sui piedi non può sbagliare, giornata decisamente fortunata per il numero 11 locale, al secondo minuto 2-1.
8’ minuto al limite dell’area opposta, bello slalom di Ottocento calcio preciso, il secondo portiere Facchin riesce a respingere con una certa difficoltà.
Sul conseguente calcio della bandierina va a calciare Finezzo, trova appostato sul secondo palo Samrani, il terzino stacca in buona elevazione e colpisce per il nuovo immediato pareggio.
Seguono diversi minuti intensi di gioco al centro campo fino a due calcio d’angolo pericolosi dei locali intorno al 25’, brividi per i lupi.
A questo punto una ripetizione dello schema Bellini/Zogno, al 31’ si incunea in area Ambrosi, interviene in uscita Bellini respinge la palla ancora una volta sui piedi di Zogno incubo per i biancorossi ma quest’oggi baciato dalla dea bendata, terza rete e conquista del pallone per la personale tripletta.
Mentre l’arbitro sta guardando l’orologio per decidere la quantità dei minuti di recupero, al 44’ arriva un cross in area dei castellani, grappolo di uomini su uscita del portiere, la palla schizza sui piedi del nuovo entrato Rancan, il più giovane dei ragazzi (novembre 2001) , pensa ed esegue con precisione un colpo sotto a scavalcare la mischia al centro dell’area, terzo e definitivo pareggio dei lupi di San Giovanni. Minuti di recupero molto adrenalinici con occasione da una parte e dall’altra, bella partita finita con un pareggio molto più importante per gli ospiti che per i locali.

Correttezza in campo non c’è stato neppure un ammonito, fatto insolito per questa categoria, un plauso merita Baggio Simone, solerte direttore di gara, sempre vicino alle azioni, ha lasciato giocare senza punire qualche giocata maschia, fischietto all’inglese come piace a chi scrive.