Giovanissimi Regionali Elite A: Arzignano Valchiampo – Villafranca Veronese.
di Michele Berardo.

Per la capolista Villafranca di mister Barlottini la trasferta in territorio vicentino non risulterà essere una vera e propria gitarella domenicale, l’aria che si respira ai piedi dei Colli Berci appare fredda e pungente nonostante la splendida giornata di sole che illumina lo stadio comunale di Altavilla. Partita spettacolare in tutti i sensi giocata ad altissima intensità da tutte e due le formazioni con innumerevoli cambi di fronte sia di gioco che di risultato regalando al pubblico emozioni di un calcio d’altri tempi. Alla fine sarà la squadra di mister Barlottini a portare a casa il massimo della quota dei tre punti dimostrando ancora una volta di essere un grande stratega fuori e dentro il campo gestendo a meraviglia un gruppo di ragazzi che dimostrano partita dopo partita grandi qualità tecniche e agonistiche.


Arzignano Valchiampo – Villafranca Veronese (2-1) 2-3 

Arzignano Valchiampo: Leto, Tarozzi, Dal Maso, Cimponjer, Sandonà, Cocco, Bance, Rakolc, Zec, Chimetto, Meggiolaro. Adisp. Boschetto, Tagliaro, Verza, Preto Martini, Lora, Frasca, Festa, Urso. All. Ruocco Maurizio.

Villafranca Veronese: Martari, Zanetti, Bertasini, Pasquetto, Dal Ben, Montresor, Aloisi, Berardo Mattia, Fedrighi, Berardo Marco, Sguazzardo. A disp: Pezzorgna, Marognolli, Cenci, Daniele, Tecchio. All. Barlottini Enzo

Arbitro: Marco Tesolin di Vicenza
Reti: 3’pt Zec (A), 12’pt Bance (A), 33’pt, Fedrighi (V), 3’st Aloisi (V)  35 ’st Fedrighi (V)

Sul campo comunale di Altavilla Vicentina in una giornata tipicamente primaverile si gioca la 29′ giornata del campionato giovanissimi Regionale Elite girone A. I padroni di casa dell’ Arzignano di mister Ruocco si presentano all’importante appuntamento contro la quotatissima capolista Villafranca di mister Barlottini carichi e fortemente motivati dopo la bella vittoria in territorio veronese contro il ben rodato Caldiero.
A dirigere l’importante incontro della giornata su un terreno di gioco in perfette condizioni sarà l’esperto arbitro Marco Tesolin della sezione di Vicenza.
Le due formazioni scendono in campo con divisa dai colori tradizionali sociali, giallo e azzurro per la squadra di casa dell’ Arzignano, bluamaranto per gli ospiti del Villafranca. La formazione di casa di mister Ruocco già dai primi minuti della partita cerca di dare un’importante impronta e ritmo di gioco stimolando i propri esterni alti a delle ripartenze repentine obbligando la squadra del Villafranca ad abbassarsi contrastando sulla propria trequarti gli attaccanti che avranno al solo terzo minuto di gioco una punizione favorevole dove l’abile punta Zec porta in vantaggio la propria squadra sfruttando a pieno il traversone del compagno Chimetto colpendo la palla di testa mandandola sotto l’incrocio dei pali. Nemmeno il tempo o quasi di metabolizzare la rete del vantaggio per l’ Arzignano che si ritrova sui piedi del n 7 Bance al 10′ minuto di gioco in contropiede la palla del due a zero abile e astuto nella triangolazione con il compagno Zec a infilarsi nell’area piccola calciando perfettamente in rete, nulla è servito il tuffo plastico del portiere Martari che non riesce a neutralizzare il tiro che sembra dai sostenitori del Villafranca viziato da un “evidente” fuori gioco non visto dall’arbitro.

Sul risultato del due a zero a soli 10 minuti del primo tempo mister Barlottini richiama all’ordine la propria compagine cercando di trasmettere serenità ma nello stesso tempo coraggio perché i minuti ancora da giocare sono moltissimi, basterà solo un piccolo ma importante ritocco al disegno tattico della squadra per cambiare radicalmente la partita proiettandosi a ritmi vertiginosi in fase offensiva rischiando più volte la rete sui piedi degli attaccanti Aloisi, Fedrighi e Sguazzardo, ottimi anche i tiri da fuori aria dei due esterni Montresor e Bertasini che mettono a dura prova le abilità plastiche del portiere avversario Leto che in due occasioni si supera mandando la palla in calcio d’angolo. Al 33′ per il Villafranca arriva la meritatissima rete del 2 a 1 di bomber Fedrighi che con grande abilità e maestria entra in area e spiazza l’incolpevole Leto con un perfetto tiro in porta. Finisce il primo tempo con il vantaggio di una rete per i padroni di casa di mister Ruocco, grande adrenalina sugli spalti da parte del pubblico che entusiasta incita sportivamente i propri beniamini all’importante vittoria.

La capolista Villafranca entra nel secondo tempo più determinata che mai sfiorando al primo minuto di gioco la rete del pareggio con Aloisi che manda di poco la palla sopra la traversa, lo stesso giocatore due minuti più tardi trova la rete del meritatissimo pareggio su ottima verticalizzazione del compagno Pasquetto ingegnoso nel passaggio smarcandolo l’attaccante in contropiede in direzione dell’area  avversaria lesto nell’infilare l’incolpevole Leto.

Sul momentaneo pareggio sembra che le due formazioni dopo avere giocato una partita a ritmi altissimi cerchino di ritrovare importante ossigeno magari da sfruttare nel finale partita. Assisteremo a 10 minuti di grande tatticismo da parte dei due mister che con grande astuzia cercheranno di sfruttare fondamentali  movimenti tattici senza rischiare insigni contropiedi che fino a quel momento avevano caratterizzato la partita.

Saranno proprio quelle molecole di ossigeno a illuminare al 35′ le dinamiche ma sopratutto la rete del vantaggio che avviene dopo un perfetto cambio campo di Marco Berardo da 30 metri su Montresor abile a stoppare la palla e servirla a bomber Fedrighi che con un scatto felino si infila tra due difensori sparando un missile sotto l’incrocio dei pali portando a tre le reti per il Villafranca vincendo meritatamente una difficile partita contro un fortissimo Arzignano che dimostra di avere grande valore tecnico e individuale meritandosi un primissimo ruolo tra le prime della classe nella regione Veneto.

Stiamo parlando di numeri da record per la formazione capitanata da mister Barlottini capace di realizzare 81 punti in 30 partite giocate con un attivo di 119 goal fatti e solo 19 i subiti, a sole due partite dal termine del campionato la formazione si gode il primato di capolista dalla prima giornata del torneo, se la matematica non è una opinione basterà un solo punto per i bluamaranto per vincere il campionato elite girone A anche se sulla strada ci saranno ancora da incontrare Giorgione e Mestrino che faranno di tutto per non rendere la vita troppo facile ai veronesi.

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •