Juniores Elite 2019-2020. Olimpica Dossobuono.

Incontrare Rinaldo Campostrini casualmente vicino alla Pasticceria di Dossobuono può essere anche normale, ma farlo parlare a ruota libera è un evento perchè il pres. dell’Olimpica Dossobuono è nato il 26 febbraio del 1961 e come tutti i nativi sotto il segno dei Pesci ha un carattere sensibile e facilmente impressionabile, tanto che preferirebbe poca visibilità e magari restare al di fuori di situazioni adrenaliniche. Ovviamente non può, immerso com’è nel mondo del calcio.
Nell’ultimo play out  juniores con la Speme, se n’è rimasto seduto da solo a soffrire e alla fine gioire senza esagerare, com’è nel suo temperamento.

Quindi l’argomento del giorno non poteva che essere la juniores che milita nel campionato elite: “E’ stata una salvezza quasi disperata, il giorno prima nessuno di noi ha dormito tanto ci si teneva. Poi la squadra messa in campo da Matteo Meneghetti ha dato prova di maturità, lasciando nello spogliatoio lo stress; le due gare, o meglio quello che hanno fatto vedere i nostri ragazzi mi ha convinto che possiamo proiettarci nel prossimo campionato con qualche ambizione in più”.

Il Presidente fa capire che molti dei ragazzi resteranno e che la squadra avrà l’aspetto di una difesa granitica ma agile nelle ripartenze, con un paio di prime punte che quest’anno sono stati assenti. Almeno 7 ragazzi saranno confermati anche per il secondo anno e questo fa capire che dal Dossobuono juniores c’è da aspettarsi qualche sorpresa positiva.

Nomi? “ E’ ancora presto, abbiamo qualche ragazzo in prestito in alcune società e faremo presto una valutazione complessiva.”

Dossobuono Alessandro Montorio

Quello che dice poi Rinaldo Campostrini è un tormentone di Alessandro Montorio (il più “aziendalista” dei tecnici di Dossobuono che per la prossima stagione è orientato verso una nuova avventura): “ Stiamo cercando di far capire che non è tanto importante il risultato fine a se stesso quanto il far maturare i ragazzi sia da un punto di vista tecnico sia dal lato personalità, in questo modo i risultati arrivano sicuramente; quindi prima di tutto il mister dev’essere di prima qualità”.

Quindi chi sarà il nuovo mister della Juniores dopo Isacco Marostica?

Isacco Marostica

Su Marostica devo spendere due parole di ringraziamento perchè è stato un tecnico di valore che ha seguito per tre anni la nostra juniores con ottimi risultati; abbiamo fatto il cambio all’ultima giornata per il classico “scossone” allo spogliatoio, per far capire ai ragazzi che la società ci credeva.
Per quanto riguarda il nuovo mister, siamo in dirittura d’arrivo: sul taccuino riservato ho due nomi eccellenti coi quali dovremmo concludere nei prossimi giorni.”

Scusi Presidente, ma posso avere i nomi dei due candidati?

Il taccuino è riservato, altrimenti che riservato è?...”

Ecco più che un Pesci, conciliante è condiscendente, Rinaldo Campostrini mi pare più un Toro, rigido, metodico, pragmatico e ostinato.
Arrivederci alla fase 2.

Condividi anche tu!