Modifica Regolamento delle  Fasi Finali Provinciali. Proteste delle Società.

Già ieri sera la nostra redazione è stata fatta oggetto di comunicazioni da parte di Società partecipanti ai campionati Giovanissimi  ed Allievi Provinciali dopo la variazione al regolamento per le fasi finali, ovvero alle Fasi Finali saranno ammesse due e non più quattro squadre emergenti dalla Fase Elite.

Trascuriamo gli epiteti colorati, (da schifo a vergogna…) ricevuti anche da squadre non interessate alla partecipazione alla fase finale, a testimonianza che queste modifiche in corsa e intervenute a oltre metà campionato non sono piaciute proprio a nessuno.
Le proteste arrivano a tal punto dal ritenere che la Delegazione Provinciale di Verona debba dare le dimissioni per questa inqualificabile azione regolamentare.
In subordine viene richiesto di riportare il regolamento com’era stato redatto ad inizio campionato.

Ritengo che li rumors delle ASD partecipanti siano più che giustificati e che la Delegazione prenda al più presto una decisione democratica che possa soddisfare le proteste. La fiducia è una cosa importante e incrinarla con decisioni del genere è fuori luogo.
Mi auguro per il buon proseguimento del campionato e delle relazioni fra ASD e Delegazione Provinciale, che il tutto venga risolto al più presto. Non è impensabile ad un errore ( comunque molto grave) da parte della Delegazione, la quale in questo caso potrà semplicemente chiede scusa e ripristinare il regolamento iniziale.
E sarà così, pena la perdita di fiducia. E senza questa, la fiducia, si andrà avanti fra mille sospetti.


COMUNICATO REDAZIONE GIOVANIGOL: (ore 10,25)
Buongiorno, abbiamo ricevuto comunicazione in questo momento da un funzionario FIGC che c’è stato un errore di stampa e che si provvederà in giornata alla redazione di un nuovo comunicato. Questa per la buona pace di tutti, preparate in serenità le vostre squadre per domani. Buon gioco e grazie per il vostro sempre appassionnato coinvolgimento.

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •