Delegazione Aia Verona. Nuovo Presidente.
di Emanuele Bertoldi.

Dopo 8 anni di gloriosa presidenza, Mario Gennaro lascia l’incarico di Presidente Aia di Verona (ma non l’operatività), affidandolo di buon grado al suo vice, Claudio Fidilio.
Con il nuovo presidente eletto quasi all’unanimità dal 90% degli aventi diritto (pari a 129 elettori) c’è aria di novità. Claudio Fidilio è piuttosto sintetico quanto determinato nei programmi di breve e media scadenza.

Il primo punto è quello di porre maggior attenzione ai casi di violenza contro gli arbitri, soprattutto quelli più giovani. Sono stato testimone e censore di diversi casi soprattutto quelli di natura verbosa che per primi scatenano poi situazioni anche fisiche. Il nuovo Presidente ha le idee chiare: <<… sarà necessaria la collaborazione dei direttivi delle società dilettanti che a caduta dovranno necessariamente impartire messaggi di tolleranza verso la classe arbitrale, anche in occasione di errori fatali. Ma del resto chi non sbaglia? Nello sport può commettere un errore un bomber a porta vuota oppure un portiere che si fa sfuggire la palla di mano. Un arbitro è un uomo come tutti i giocatori in campo e come tale può sbagliare e l’errore dev’essere compreso come una situazione di gioco e quindi accettata sportivamente anche se negativa…>>

Il secondo obiettivo è quello di organizzare i nuovi corsi per giovani arbitri con sedi delocalizzate:
<<...poichè le lezioni si tengono alle 19, non tutti vi possono partecipare soprattutto quelli che abitano fuori Verona. Per questo motivo i nuovi corsi avranno tre sedi: a Verona, a Soave e nei pressi del Lago di Garda, probabilmente a Cavaion. Stesso programma, contemporaneità delle lezioni ed esame finale che si terrà comunque a Verona, nella sede dello Stadio Bentegodi. ...>>

Questo il programma di Claudio Fidilio il quale però fa notare una cosa: <<...c’è un’appendice al corso arbitri alla quale ci tengo particolarmente, ed è lo sviluppo delle quote rosa nella nostra classe arbitrale; abbiamo ormai superato tutti i pregiudizi in merito e le esperienze internazionali hanno dimostrato che c’è spazio eccome per l’arbitraggio femminile. Ben vengano dunque le ragazze che vogliano mettersi in gioco su un campo di calcio come arbitro federale.>>

Due parole sull’attuale momento di pandemia: << i nostri tesserati continuano ad allenarsi a casa, mantenendosi in buona condizione atletica pronti ad una chiamata improvvisa: lo stato degli allenamenti viene monitorato con tecniche multimediali.>>

In bocca al lupo dunque all’entusiasmo organizzativo di Claudio Fidilio al quale fa eco il saluto di Mario Gennaro rivolto a tutti i dirigenti del settore dilettante coi quali ha collaborato con grande passione e correttezza sportiva.
Per la cronaca, Simone Manzini e Massimo Treccani saranno i due vicePresidente Vicario.

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •