Juniores Nazionali D, commento all’undicesima giornata.
di Indelicato Angelo.

Indecifrabile questa undicesima giornata di campionato.
Leggendo la classifica salta subito all’occhio il secondo posto del Breno, ad un solo punto dal Mantova. Forse nemmeno in Valcamonica troviamo qualcuno che, ad inizio campionato, avrebbe scommesso un solo centesimo sui granata bresciani. Eppure sono lì, ad un punto dalla capolista dopo aver superato di misura, 0-1, il Levico in trasferta. Le nostre veronesi invece, restano tutte al palo a guardare i movimenti di classifica. Mentre l’ Ambrosiana sconta il turno di riposo, tutta l’attenzione si concentrava sul derby CaldieroVillafranca. La partita di cartello purtroppo termina al  minuto 38’st sul risultato parziale di 1-0 per i padroni di casa. Dopo la rete di Sbabi al 20’st i ragazzi di mister Fracasso speravano di festeggiare ma la dea bendata ha altri progetti. Partita sospesa per distorsione alla caviglia del direttore di gara, il signor Luka Meta di Vicenza. Festeggiamenti rimandati. Solo in queste occasioni ci ricordiamo del ruolo fondamentale del ventitreesimo giocatore in campo, l’ arbitro, a cui vanno i nostri migliori auguri per una pronta guarigione.

Purtroppo anche le altre due veronesi in campo non muovono la classifica. Il Vigasio sprofonda in casa contro il Ciliverghe con un sonoro 0-5. La “manita” bresciana brucia molto dopo la bella prestazione dei bianco celesti nel derby con l’ Ambrosiana. I ragazzi di mister Bissoli non riescono a vincere, difficile uscire da questo tunnel psicologico che li vede sempre bloccati con soli tre punti in fondo alla classifica, malgrado un gioco ordinato e grintoso. Continuiamo a sperare.

Ed in fine, dobbiamo commentare la sfortunata trasferta del Legnago Salus. Ogni volta che il Mantova cede un passo ( Mantova – Bolzano 1-1 ), i ragazzi di mister Corestini non riescono ad approfittarne. La trasferta in franciacorta vede il Legnago sotto di un solo gol, ma pesantissimo. 2-1 il risultato finale a favore dello Sporting Franciacorta. La débâcle veronese permette al Mantova di restare in testa alla classifica e di avvantaggiarsi di 4 punti sul Legnago che viene superata anche dal sorprendente Breno. A fine giornata il podio si configura così: Mantova 24 punti, Breno 23, Legnago 20. Abbiamo sempre dichiarato che solo il Legnago poteva impensierire il Mantova, ma i granata bresciani vogliono rompere gli equilibri in testa alla classifica. Per citare Renato Zero, il triangolo no, con il Breno, non l’avevo considerato.

In attesa di capire se il mercato di riparazione, che si apre a dicembre, può portare nuova linfa vitale alle formazioni scaligere, non ci resta che aspettare il big match Breno-Mantova che si giocherà sabato prossimo. Il Legnago è avvisato, vietato sbagliare.

 

Nella foto di copertina, il difensore del Vigasio, Francesco Callino, nominato Giocatore Educato 2019, dalla Commissione Atleta dell’Anno di Verona.

Sarà uno Juniores del Vigasio il 4° Giocatore Educato 2019

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Informiamo che lo screen shoot ( o comunque la riproduzione e divulgazione non autorizzata) di articoli e foto di testata giornalistica, è azione illegale e perseguibile. Ringraziamo i nostri Lettori simpatizzanti per la correttezza.