Juniores Regionale A. Commento alla giornata 1 di ritorno.
di Thomas Ardieli.

Torna in campo la juniores regionale A in questo 2020, con la lotta al titolo che si fa sempre più avvincente e ricca di pretendenti. Cade contro pronostico il Garda di mister Dall’Agnola, che a Bussolengo fatica a imporre il proprio gioco e va sotto nel primo tempo colpita dalla rete di Bergamini.
Nel secondo raddoppia subito Coati per i padroni di casa guidati dal dirigente Friggi, Auersperg da fuori accorcia le distanze ma ancora Coati chiude la partita dagli 11 metri. ( per la cronaca clicca qui)

Ne approfittano tutti dietro, a partire dal Team Santa Lucia di mister Ambrosi, senza pietà contro il Nogara di Ermanno Basso, travolto 4-0 da una squadra che gridava vendetta dopo una chiusura di 2019 deludente contro il Valpolicella, che aveva fatto perdere il primato ai bianco blu.
Proprio il Valpolicella continua a sognare, superando di misura il Cadidavid di mister Ferrillo e confermandosi come terza forza del campionato a due solo lunghezze dal podio. (per la cronaca, clicca qui). Gara decisa dal subentrato Dalle Pezze che con un diagonale preciso ha regalato tre punti pesantissimi ai suoi (il Valpolicella di mister Bonazzi sarebbe primo se contassimo proprio in questa gara d’andata i tre punti persi a tavolino per il mancato tesseramento di Modesti).

Pesante è anche la vittoria dello Speme di mister Vandin, che punta a trovare continuità di risultati nel 2020 e comincia bene rifilando un 4-1 all’ostico Real Grezzana di mister Piva, che non è riuscito ad arginare la furia del San Martino, andato a segno con Marone, Nordera, Fadini e Boarotto. Non basta al Real il rigore del 2-1 di Bombieri per riaprire la gara nella seconda frazione. Seconda frazione invece determinante per il Castelnuovo Sandrà di mister Venturelli, che va al riposo col Tregnago di mister Bonomi sul parziale di 1-1. A Ciresa risponde Ridolfi nel primo tempo, ma nei secondi 45 minuti è letale Oliosi per il definitivo 2-1 neroverde, che proietta il Castelnuovo verso un 2020 radioso e di alte vedute. Potrebbe essere sicuramente più radioso del 2019, il nuovo anno del Caselle che inizia col piede giusto trovando la vittoria contro il Castel d’Azzano di mister Chieppe. Zivelonghi e Trabelsi non bastano ai bianco rossi per iniziare con tre punti la seconda parte di stagione, ma il Castel rimane comunque in una comoda posizione di classifica. Posizione condivisa anche dalla Juventina di mister Venturini, che tra le mura amica sconfigge il più quotato Alpo Lepanto di mister Sartori. I gialloverdi cadono come nell’ultima uscita del 2019 e si allontanano dalle zone alte di classifica, mentre Marogna e Perbellini fissano il risultati sul 2-1 e donano tranquillità ai bianconeri della Valpantena. Proprio mister Venturini ci ha raccontato il match di sabato e le sue prospettive per questa seconda parte di campionato:
Sabato, a mio parere, abbiamo ben interpretato una partita non facile con un valido avversario. I ragazzi hanno saputo gestire bene spazi ed energie durante tutta la partita. Siamo soddisfatti della crescita generale della squadra che sta lavorando sodo per migliorare. Per quanto riguarda il girone, sicuramente il Valpolicella sta impressionando in positivo per capacità e continuità, ma l’impressione è che alla lunga gli elementi delle prime squadre possano la differenza. In tal senso probabilmente Team, Speme e Garda hanno qualche possibilità in più rispetto alle altre.”

Tranquillità che non sembra essere tornata per il Lugagnano di mister Bringhenti, sconfitto per 0-1 dal solido Povegliano di mister Barone. Adami nella ripresa condanna il Lugagnano all’ultimo posto del girone, dopo che la prima metà di stagione era terminato con una vittoria che aveva ridato speranza alla compagine di Bringhenti.
Sarà comunque una lotta che durerà fino alla fine quella per la salvezza, ne vedremo delle belle.

 

 

 

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •