Under 17 Regionali,  commento alla giornata 10.
di Francesco Galvagni.

Nel girone A del campionato regionale Under 17 giornata di pronostici rispettati quasi in toto, l’unico match incerto era quello di Nogara dove in un’incontro che si presentava come uno scontro salvezza il Lonigo di Vincenzo Iacovino passa 1-4 sui bianco-rossi di Giovanni Bongiovanni, vittoria che permette agli ospiti di staccare la zona calda della graduatoria lasciandoci invece dentro un Nogara Calcio che dopo la prima di campionato non è più riuscito a vincere.  Queste le dichiarazioni post gara di mister Iacovino: Domenica era una partita tra due squadre che avevano vissuto due ultimi mesi un po’ particolari. Mi dicevano loro che di recente avevano avuto delle espulsioni in una partita (Castelnuovosandrà-Nogara), che avevano falcidiato la squadra. Anche noi siamo rimaneggiati perché abbiamo un gruppetto di ragazzi che si articola in 15 elementi sotto-quota, perché l’Este ha i 2004 più bravi nel gruppo 2003 e questi li facciamo crescere. E’ stata una bella partita, noi cerchiamo di proporre un certo tipo di gioco che siamo riusciti ad imporre a Nogara nonostante l’anno in meno. Per la prima volta nelle ultime quattro partite siamo riusciti ad esprimere anche il punteggio oltre al gioco.”

La collaborazione con l’Este vi mette al secondo posto nelle gerarchie dell’Under 17, l’obiettivo resta la salvezza? “Noi miriamo a far crescere questo gruppo per fargli accumulare esperienza per il prossimo campionato che sarà probabilmente Elite visto che i 2003 dell’Este stanno vincendo il girone B. L’obiettivo principale nostro non è la classifica, certo vogliamo salvare il titolo al Lonigo però l’occhio di riguardo lo teniamo verso il gioco e la crescita su base tecnico-tattica dei ragazzi. E’ dura da far accettare la domenica che si perde la partita però a noi non interessa prettamente vincere il singolo scontro ma altro. Siamo partiti in ritardo perché tanti non accettavano di fare un campionato diverso da quello che doveva essere uno sperimentale Under 16 e abbiamo trovato il Lonigo che ci ha dato questa possibilità di fare un regionale di categoria e l’abbiamo colta. Chi è rimasto con noi sta godendo di questa opportunità in vista del futuro prossimo.”

Delle squadre affrontate fino ad ora quale ha colpito di più?:” Ho visto dei bei calciatorini di attacco nel Castelnuovosandrà, squadra che non mi sembra meritevole della propria classifica attuale, per me il ragazzo migliore visto fino ad ora è Kledy Grishaj (a segno anche in questo turno con una doppietta), è un giocatore che secondo me merita di giocare ad un livello più alto. Dal punto di vista del gioco la maggior parte delle squadre lavora su una palla lunga a cercare gli attaccanti. Oltre al Castelnuovosandrà che ritengo possa essere una buona squadra ho visto bene anche il Grezzanalugo, squadra organizzata e composta in campo e sono rimasto deluso particolarmente solo dall’Alba Borgo Roma. Deluso perché sono come noi ragazzi quasi tutti del 2004 che provano a giocare e a parer mio la classifica dovrebbe premiarli un po’ di  più. Probabilmente come noi stanno soffrendo la fisicità degli avversari più grandi però continuo a pensare che l’Alba abbia un buon impianto di gioco e un buon progetto nonostante la classifica non lo confermi.

Per il resto come abbiamo detto, ordinarie vittorie di tutte le squadre della parte sinistra della classifica. La capolista Olimpica Dossobuono di Simone Ronconi mantiene la leadership, i giallo-rossi in casa prevalgono di misura 1-0 sul modesto Bevilacqua di mister Paggiola e salgono così a quota 24 preservando il punto di vantaggio sul Team Santa Lucia Golosine conquistato nello scontro diretto. Al Dossobuono basta una rete su rigore di bomber Oliver Ben (l’ottava in campionato) per avere ragione degli ospiti grigio-rossi, sempre più annaspanti in fondo alla graduatoria.

Il Team Santa Lucia Golosine di Sergio Meneghini vince anch’esso, di nuovo, di misura. E’ la sesta vittoria di stagione che i blues ottengono con il minimo scarto, confermandosi compagine estremamente cinica. A Isola della Scala finisce 1-2 grazie ai sigilli di bomber Vincenzo Caldeo e Federico Buzzanca. Per la Scaligera di Michele Masaggia segna Pietro Morellato, ma il goal del centrocampista non basta ad evitare ai giallo-rossi la terza sconfitta consecutiva.

La partita più elettrizzante del turno è stata però quella di Lugo di Grezzana dove il Calcio Schio di Dario Pellizzari si è confermato terza forza del girone, finisce 3-4 in favore dei giallo-rossi sul Real Grezzanalugo di Jacopo De Paolini. Per i padroni di casa doppietta di Thomas Orfeini, arrivato a 11 goal in 10 partite e rete di Zanella, per Schio invece Sella, Cancarevic, Pamato e poi goal-vittoria di Alessio Rech, match-winner che permette ai suoi di restare a -3 dalla vetta.

Esito quasi scontato a Pescantina dove si affrontavano miglior attacco e peggior difesa del raggruppamento, 4-1 tra Pescantina Settimo e Sona Calcio, che dovrà dunque nuovamente rinviare l’appuntamento con i primi punti stagionali, il Pescantina di Federico Lunardon e Roberto Lonardi invece grazie alla doppietta del solito Giacomo Gastaldello e ai goal  di Frigo e Cengia resta ad occupare il quarto posto con 21 punti, in piena corsa per la promozione.

Vince poi in trasferta la Pro San Bonifacio di Tiziano Malgarise che espugna il campo del Summania, 1-2 il risultato finale con marcatori Alhein Yoro e Marco Battocchia per gli ospiti, quinta rete stagionale di Lorenzo Simonato per un Summania che viene superato proprio dalla Pro Sambo in classifica restando comunque in scia del gruppetto di testa.

Doppietta di Mattia Garnero per il Montorio che supera 2-1 di misura l’Alba Borgo Roma di Davide Nicastro. I bianco-nero-verdi di Christian Piasere dopo la sosta forzata (partita rinviata per pioggia in casa del Castel D’Azzano) tornano subito a macinare punti e in caso di vittoria nel recupero affiancherebbero a quota 21 punti il Pescantina Settimo al quarto posto. L’Alba non riesce dunque a riscattare la “sconfitta incriminata” di domenica scorsa in casa del Team ma può rallegrarsi al pensiero che dal prossimo turno tornerà a giocare nella sua vera casa. Dopo il rifacimento del manto erboso infatti lo Stadio “Esterino Avanzi” è stato inaugurato proprio questa domenica, e alla prossima giornata anche gli Under 17 battezzeranno il nuovo terreno di gioco ospitando la capolista Olimpica Dossobuono.

Chiude il quadro dei risultati della decima di andata la terza vittoria consecutiva del Castelnuovosandrà di Paolo Tinelli, che al “Pancera” regola 3-0 il Castel D’Azzano di Stefano Zamboni, sigilli nero-verdi di Thomas Tinelli e la doppia di Kledy Grishaj, a segno per la settima volta dall’inizio dell’anno. Seconda gara consecutiva a rete inviolata per il Castelnuovo, momentanea miglior difesa del girone con sole 10 reti passive.

L’undicesima giornata oltre al ritorno dell’”Avanzi” dove si giocherà Alba-Olimpica Dossobuono, offre anche degli importanti scontri salvezza: Bevilacqua-Nogara e Sona-Scaligera su stutti ma anche Lonigo-Summania potrebbe permettere a una delle due di distanziarsi in maniera quasi definitiva dalla zona di coda. Team Santa Lucia Golosine-Montorio e Pro San Bonifacio-Real Grezznalugo saranno indicativi delle reali aspirazioni di alta classifica delle due padrone di casa mentre a Schio il Castelnuovosandrà cercherà anche la quarta vittoria di fila. Chiude Castel D’Azzano-Pescantina Settimo dove si pronostica un 2 fisso.

Arrivederci sui campi.

Copertina di consolazione per Marku Franz, il forte centravanti del CastelnuovoSandrà. Nel primo recupero con la Scaligera aveva segnato tre reti poi cancellate per errore tecnico nella gestione della gara. Eccolo segnare di testa il primo dei tre goal finitp 5-0, poi ripetuto e concluso con un 1-3 in favore della Scaligera

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Informiamo che lo screen shoot ( o comunque la riproduzione e divulgazione non autorizzata) di articoli e foto di testata giornalistica, è azione illegale e perseguibile. Ringraziamo i nostri Lettori simpatizzanti per la correttezza.