Lo sport dopo la quarantena a Verona.
di Rodolfo Giurgevich.

Nel calcio la ripartenza è il momento nel quale, dopo la conclusione senza danni dell’aggressività avversaria, una squadra riprende possesso del pallone per impostare a sua volta il gioco d’attacco.

Questa volta però i danni ci sono stati eccome – così esordisce Filippo Rando nel suo ufficio nel Municipio di Verona – inutile nasconderlo. Ripartenza ci sarà sicuramente ma sarà ovviamente cauta e noi saremo al fianco, con le nostre competenze di Amministratori Pubblici, delle società sportive per riprendere un percorso stagionale interrotto da una specie di frana che ha costretto tutti al blocco delle attività sportive.
Lo sport è passione positiva per la comunità, crea momenti di aggregazione vitali, lo sport è scuola di regole per i nostri ragazzi, guai a pensare che si debba abbandonare anche per un solo anno quanto di buono hanno fatto finora le società sportive con i loro presidenti, veri benemeriti per lo sport giovanile.

Partiamo proprio dai presidenti, qualcuno era già “stanco” prima e adesso la pandemia è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Asd allo sbando?

Capisco perfettamente il logorio dei vecchi presidenti ai quali auspico di ritrovare quel coraggio e la passione che ha permesso loro di creare società modello a Verona; suggerisco di non abbandonare ma di usare la loro esperienza per garantire un filo conduttore con i dirigenti più giovani.  Come Assessorato allo Sport in questo frangente abbiamo il primario obbiettivo di salvare l’associazionismo sportivo, pericolosamente compromesso.
Conosco bene i problemi di base, ad esempio quello delle sponsorizzazioni: qualche azienda si sta defilando perdendo magari l’occasione di porsi all’attenzione grazie allo sport, il più tattico e meno costoso dei mezzi di comunicazione.”

Su questo argomento la nostra Redazione era già entrata nel merito con due articoli di Paola Fuggetti: l’approfondimento ha messo in luce che sarà necessario un nuovo scenario per creare ulteriori opportunità per ASD e Sponsor, in particolare è richiesta una maggior attenzione delle ASD nei confronti dello sponsor per promuoverne le iniziative. Sulla questione, la Redazione di Giovanigol sta organizzando un convegno allo scopo di avvicinare le parti per approfondire le nuove relazioni post pandemia.

Sul convegno che avrà luogo tenendo presente sempre il rispetto della salute di tutti, l’Assessorato allo Sport sarà presente per mettere a disposizione uno spazio idoneo per il dibattito che avrà l’obiettivo di mantenere le relazioni sponsor-sport attraverso nuovi scenari. Ma per noi questo sarà un obiettivo strategico; per la parte più pratica saremo più vicini alle società guida che gestiscono impianti sportivi, attraverso una maggior flessibilità sugli oneri di mantenimento.

Parliamo di cose ancora più pratiche, la ripresa dello sport giocato sui campi o nelle palestre: mascherina si o mascherina no?

Fermo restando il rispetto della salute di tutti, penso che una buona respirazione sia fondamentale per i momenti di agonismo e penso anche che in certi sport dove il contatto fisico è frequente e anche piuttosto maschio (vedi rugby e calcio), la mascherina sia piuttosto inutile. Meglio attendere il via libera definitivo anche per le attività sportive senza limitazioni. Magari la mascherina può essere utile per situazioni aggreganti come il ballo, ma nello sport non mi sembra il caso.”

Sembra che il calcio possa riprendere subito dopo giugno per completare la stagione in corso, a livello politico siamo pronti?

” ...io spero tanto che le Federazioni  lancino un segnale di continuità quanto prima; come Assessorato siamo prontissimi, soprattutto per le iniziative organizzate dalle società sportive. Mi spiace sinceramente che tornei storici come il Montresor, il Giacomi o il Mastella debbano segnare il passo e attendere il momento giusto; per il Città di Verona che è già iniziato, l’obiettivo è di concluderlo magari entro fine anno e m’impegnerò per questo.

Scalpita Filippo Rando sul finire dell’intervista, come ex sportivo e arbitro non vede l’ora di tornare in campo, sia pure come Assessore allo Sport.

____________________________________________________________

Tornare in campo con sicurezza e tranquillità.

 

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •