Juniores Elite A. Commento alla giornata 1.

Informiamo che lo screen shoot ( o comunque la riproduzione e divulgazione non autorizzata) di articoli e foto di testata giornalistica, è azione illegale e perseguibile. Ringraziamo i nostri Lettori simpatizzanti per la correttezza.

Dopo anni di supremazia con Ambrosiana e Villafranca, il girone A della Juniores Elite è di pieno possesso delle squadre vicentine.
A Malo si è visto che il Cerealdoks Camisano ha tutte le carte in regola per ripetere l’impresa (nonostante la squadra sia cambiata al 90%); come sempre fortissimi in difesa i biancazzurri di Fabio Casarotto hanno dato l’impressione di poter affondare anche con azioni in verticale (oltre che su palle inattive) sulle quali Squizzato ben assistito da Callegari e Viola, sono stati e saranno protagonisti in assoluto.
Ecco la cronaca della gara.
Il Malo non sarà sicuramente comprimario, perchè l’ossatura in difesa è buona con Comparin, Cosaro e Lorenzato e in attacco Dalle Molle e Vanzo potrebbero far paura a tutti; uso il condizionale perchè gli ultimi tre nomi sono della rosa della prima squadra e probabilmente non saranno sempre presenti, vedi per esempio la sostituzione di Dalle Molle, migliore in campo nel primo tempo.
E sarà il Montecchio di Daniele Pegoraro (nella foto di copertina) il terzo incomodo, perchè la squadra è stata costruita per vincere. il mister: ” Il favore dei pronostici dipende dal fatto che il Montecchio è sempre stata una squadra da battere, ma alla fine è sempre il terreno di gioco il giudice che spesso ribalta i pronostici. Malo e Camisano sono due realtà che stanno crescendo parecchio in questi ultimi anni. Avranno sicuramente ruolo da protagoniste. In più mi aspetto qualche “sorpresa” tra le veronesi, penso innanzitutto al Valgatara, e non sottovaluterei il Sarcedo altra realtà vicentina in crescita.”
Nella gara contro il Lupatoto si è messo in mostra  capitan Raschietti centrale difensivo, Dalla Fontana metodista e Sebastiani, trequartista di valore. La difesa dei lupi è crollata su tre reti su altrettanti tiri da oltre 25 metri, il che dimostra anche a detta degli osservatori a Montecchio che il portiere dovrà lavorare parecchio per poter maturare e confrontarsi in un campionato impegnativo; bene Lollato in difesa mentre in attacco vale lo stesso discorso del portiere, c’è molto da lavorare. Gli ex allievi hanno bisogno di maggior grinta e intensità: a questo ci penserà sicuramente l’ottimo Andrea Quattrina.
Le vicentine hanno fatto tutte un ottimo esordio, dal Sovizzo che è riuscito a fare le barricate a Pescantina e far stizzire Marco Giarola il quale si aspettava una vittoria ( anche meritata alla luce delle azioni da rete), al Summania, “ piuttosto compassata...”, dice Mauro Annecchini (da quest’anno direttore tecnico alla Virtus), la quale riesce a centrare il pareggio grazie ad una buona difesa e a una buona dose di fortuna che le ha permesso di superare indenne i tiri in porta di Vettore, Pattaro e Zambaldo senza creare alcun pericolo per i rossoblu.
Nel confronto indiretto Vicenza-Verona, l’unica veronese sugli scudi è il Montorio di Michele Rossi, corsaro contro la Calidonense: 1-0 messo a segno su rigore da Castagna, vittoria scaturita da una buona buona difesa e gara attenta. Si lamenta Fabio Benetti della Calidonense: ” ...abbiamo subito il goal verso il 70’ minuto su contropiede del Montorio. Cross dalla sinistra  e un nostro difensore ingenuamente ha preso la palla con la mano e l’arbitro ha assegnato il rigore. Ottima reazione della squadra, ci abbiamo provato in tutti i modi a pareggiare la partita ma niente da fare. Probabilmente era giusto il pari.”
Colpo grosso del Sarcedo ai danni del Sona Calcio. Salvatore Piccinato recita il mea culpa: “... batosta che non ha scusanti, la partita è iniziata in salita con un rigore ed espulsione dopo 5 minuti, poi io ho sbagliato  di volermela continuare a giocare mettendomi a tre dietro, scelta che è stata devastante perchè abbiamo poi preso 4 gol in contropiede. adesso sotto con una settimana dove bisogna resettare e rivedere alcune priorità, prima fra tutte il carattere e la voglia di reagire.  Di positivo, è che sarà facile migliorarsi in fretta, del resto peggio di così...”
Concludiamo con due incontri tuttoverona. A Dossobuono, l’AlbaBorgoRoma stravince per 4-1 senza particolari meriti perchè due reti sono state segnate nei minuti di recuperi. Alessandro Matrullo rivendica la possibilità di una vittoria dei suoi e accusa gli eventi negativi (espulsioni ed altro) per il risultato impietoso. Di fatto c’è che il Dossobuono se la giocherà nelle parti basse della classifica mentre l’AlbaBorgoRoma sembra destinata ad una stagione tranquilla. Ecco la cronaca della gara.
In Valpolicella il risultato più sorprendente, con il Valgatara di Daniele Reichenbach che rimonta e supera un Concordia piuttosto gracile in ogni reparto. Gli osservatori dicono che i viola hanno sicuramente deluso e già sabato prossima avranno un primo esame di verifica col Dossobuono, esame bilaterale vale anche per i giallorossi.

Campionato spaccato in tre: in alto le vicentine Top, Cerealdocks Camisano, Montecchio Maggiore e Malo. In area cuscinetto le altre vicentine e due veronesi (Pescantina e Montorio).
In area salvezza, tutte e solo le veronesi, Valgatara compresa (non sono d’accordo con Pegoraro) perchè la rosa è insufficiente per coprire l’intero campionato.

Di professione non faccio il mago, ma le azzecco (quasi) sempre.

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Informiamo che lo screen shoot ( o comunque la riproduzione e divulgazione non autorizzata) di articoli e foto di testata giornalistica, è azione illegale e perseguibile. Ringraziamo i nostri Lettori simpatizzanti per la correttezza.